mercoledì, 17 Aprile 2024

Turchia, si scava ancora dopo 11 giorni: trovate persone vive sotto le macerie

Dopo 11 giorni sono stati estratti vivi altri due giovani. Il bilancio dei morti e arrivato a oltre 41 mila. Ritrovato il cadavere dell'imprenditore italiano Angelo Zen.

Da non perdere

Proseguono le ricerche dei dispersi dopo il terremoto tra Siria e Turchia. 3500 le scosse di assestamento da quel maledetto 6 febbraio. 

Il bilancio delle vite spezzate è arrivato a oltre 41 mila e sono state distrutte intere comunità sia in Turchia che in Siria.

Ieri, è stato ritrovato e identificato il corpo senza vita dell’imprenditore italiano Angelo Zen che era nella città di Kahramanmaras, uno dei posti più colpiti della Turchia. La dinamica del ritrovamento è stata molto lunga e molto complessa, 4 giorni di lavoro congiunto tra la Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e un unità di Polizia e di Ris dei Carabinieri per il riconoscimento del cadavere. Il ministro Antonio Tajani, con un tweet, fa sapere che ha provveduto ad informare la famiglia e che attraverso l’Ambasciata italiana in Turchia sono state avviate le procedure di rientro della salma nel nostro paese.

Il tempo stringe e trovare persone vive sotto i pezzi di cemento diventa sempre più difficile ma non impossibile. Alcuni li chiamano miracoli invece altri semplicemente fortuna.

Dopo 11 giorni sono stati ritrovati vivi due giovani di 26 e 34 anni. I due omini si trovavano sotto le macerie di un ospedale privato nella città turca di Hatay. Mentre i soccorritori stavano lavorando, hanno sentito dei suoni o forse una voce e hanno scavato in quella direzione senza sosta. Uno dei due superstiti, Ali Sakiroglu, aveva accompagnato suo figlio in quel ospedale il giorno prima del terremoto.

Ieri sera, dopo 260 ore dal sisma, è stato estratto vivo un bambino di 12 anni. I medici lo hanno dichiarato fuori pericolo. Sempre ieri, dopo 258 ore, nella città Kahramanmaras, l’epicentro del terremoto, e stata salvata una donna di 27 anni.

Com’è possibile rimanere in vita dopo cosi tanto tempo senza cibo e senza acqua?  Si sa che si può stare senza cibo intorno a una settimana ma senza acqua intorno a 2-3 giorni. Pare che le temperature basse hanno aiutato molto perché hanno limitato la traspirazione e quindi, la perdita dei liquidi corporei. Dalle testimonianze sappiamo anche, che alcuni hanno dovuto bere la propria urina per colmare la sete.

Le persone estratte vive non avevano traumi importanti che avrebbero favorito una perdita  di sangue e neanche ferite che riguardano organi vitali che fossero incompatibili con la vita. 

Ultime notizie