lunedì, 20 Maggio 2024

Sicurezza nel porto di Gaeta, tangenti per l’assegnazione dell’appalto: tre indagati

Due funzionari pubblici avrebbero ricevuto da un imprenditore casertano tangenti in cambio dell'assegnazione di un appalto. Sette delle società ammesse sarebbero riconducibili allo stesso imprenditore.

Da non perdere

Tre persone sono indagate per corruzione a Gaeta; due funzionari pubblici avrebbero ricevuto da un imprenditore casertano tangenti in cambio dell’assegnazione di un appalto. I Finanzieri sono intervenuti nella mattinata del 6 dicembre scorso, al termine di un’indagine articolata tra il 2021 ed il 2022; le irregolarità sarebbero relative alle procedure per la messa in sicurezza del porto di Gaeta. L’appalto in questione riguarderebbe una somma di oltre 100mila euro, ed è relativo alla manutenzione straordinaria della pavimentazione della Banchina di Riva della Darsena dei Pescherecci. Le Fiamme Gialle hanno potuto inoltre constatare che già nella fase precedente all’assegnazione, ovvero quella del sorteggio, sette società ammesse sarebbero riconducibili allo stesso imprenditore casertano. Lo stesso, sarebbe destinatario di misure interdittive antimafia.

Ultime notizie