martedì, 31 Gennaio 2023

Trento, un dottorando scopre una nuova poesia di Pico della Mirandola

Dottorando scopre manoscritti sconosciuti del Fondo Ridolfi

Da non perdere

Dottorando dell’Università di Trento scopre una poesia inedita del filosofo Pico della Mirandola, la relativa relazione verrà pubblicata nel prossimo numero della rivista di settore “Archvum mentis”.

La poesia in questione è un’opera di sei versi rintracciata durante un approfondimento del Fondo Ridolfi di Firenze, opera di proprietà della Fondazione Biblioteche della Cassa di Risparmio. Durante l’analisi della figura di Pico, il dottorando Michele Casaccia, ne evidenzia alcune caratteristiche come l’irrequietezza ed i ripensamenti che sempre muovono gli “spiriti maligni”, e ricorda che Pico “uno dei più grandi pensatori del Quattrocento”, diede “alle fiamme la propria produzione poetica latina”, così come “Platone aveva detto di aver fatto con i suoi”.

A seguito del rogo si era convinti che solo 19 poesie si fossero salvate dalle fiamme ma Casaccia riuscì a rintracciare la ventesima trascritta da un copista in un antico libro a stampa, databile post 1486 e che con tutta probabilità sarebbe stata dedicata alla figura di Agnolo Poliziano, uno dei maggiori poeti del XV secolo, al quale Pico proponeva i suoi scritti per essere valutati.

Ultime notizie