domenica, 16 Giugno 2024

Roma, Premio Angi 2022: la quinta edizione degli Oscar dell’Innovazione

Durante la mattinata di ieri, 1 dicembre, si è tenuta la Cerimonia d'Onore del Premio Nazionale ANGI, acronimo di Associazione Nazionale Giovani Innovatori.

Da non perdere

Durante la mattinata di ieri, 1 dicembre, si è tenuta la Cerimonia d’Onore del Premio Nazionale ANGI, acronimo di Associazione Nazionale Giovani Innovatori. L’evento si è svolto presso l’Auditorium del Museo dell’ARA PACIS dalle ore 9:00 alle ore 13:30. A moderare l’intera premiazione Daniel Della Seta, Giornalista e Conduttore di “Italia che va” di Radio RAI e Ylenia Torino, TV Host e Influencer, che dopo aver presentato lo svolgimento dell’evento, hanno subito chiamato sul palco il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.

I SALUTI DELLA CITTÁ DI ROMA DA PARTE DEL SINDACO
Dopo i primi saluti, il presidente dell’ANGI, Gabriele Ferreri, ha rivolto alcune domande al sindaco sui giovani, in particolare modo su come affrontare la cosiddetta “fuga dei cervelli”. Gualtieri ha così risposto: “Roma è stata per troppi anni, una città che non ha attratto ma respinto. Il saldo netto di giovani, per troppo tempo, è stato negativo, mentre le grandi metropoli sono e devono attrarre. Per questo abbiamo cercato di affrontare in modo particolare questo tema, anche a partire dal conferimento a Lorenzo Marinone di una delega specifica sul tema dei giovani, che però non è un settore separato ma fa lavorare Lorenzo in parallelo con tutti gli assessorati per cercare di mettere questa dimensione dell’attratività, del sostegno e anche della resilienza dell’essere giovani in una città complessa come Roma. Spesso l’innovazione e la creatività avviene non solo negli spazi ordinari delle politiche pubbliche, ma magari proprio nei luoghi in cui, più autonomamente, lo spirito critico e la creatività si esprimono. Stiamo facendo un regolamento – prosegue – per la gestione condivisa dei beni comuni, che ha lo scopo, appunto, di mettere a disposizione luoghi e spazi non per fare quello che diciamo noi ma per lasciare esprimere e valorizzare la potenzialità dei giovani su vari aspetti sociali e culturali. Roma davvero, potrà conoscere una nuova stagione di sviluppo”.

LORENZO MARINONE, DELEGATO DEL SINDACO ALLE POLITICHE GIOVANILI DI ROMA 
Dopo la targa consegnata al Sindaco di Roma, sul palco è salito Lorenzo Marinone, Delegato del Sindaco alle Politiche Giovanili di Roma Capitale. Della Seta a questo punto, rivolgendosi a Lorenzo ha affermato: “Abbiamo sentito parlare anche di nuove attratilvità per il turismo, anche perché la nostra è una città che vive di turismo, insieme a Venezia è la città più visitata d’Italia”. Ha poi chiesto: “Questa fondazione che avete intentato insieme ad altre politiche, cosa ci potranno portare anche nel breve e medio periodo?” Lorenzo ha dapprima ringraziato per l’invito, poi ha risposto dichiarando: “Per quanto riguarda il tema del turismo, pensate, ci sono dei dati a dir poco assurdi: nella città di Roma un turista sta in media 2,8 giorni. In una città come Madrid che possiede molta meno cultura, molte meno attrazioni, un turista sta in media  3,5 giorni. Noi su questo stiamo lavorando moltissimo, ma soprattutto stiamo investendo tanto per far tornare i turisti una seconda, una terza e una quarta volta. Prima il sindaco ha detto una verità importante: dobbiamo rendere protagonisti i giovani, attraverso processi in cui gli stessi possono essere parte attiva. Pensate che nella città di Roma, la delega alle Politiche Giovanili, non veniva distribuita ad un giovane under 35 da 15 anni. I precedenti sindaci avevano affidato questa carica a persone che probabilmente conoscevano meno il target di riferimento. Appena il Sindaco me l’ha proposto io mi sono sentito onorato”. Infine conclude affermando: “Tutti noi dobbiamo utilizzare l’innovazione in due modi: da una parte valorizzare i talent e se le start-up arrivano a questo livello di sviluppo, è perché dietro c’è un lavoro incredibile. D’altra parte, dobbiamo sfruttare l’innovazione per andare a raggiungere quei ragazzi che sono meno motivati. Roma deve diventare capitale dell’innovazione”.

PRESENTAZIONE OSSERVATORIO ANGI RICERCHE IN COLLABORAZIONE CON LAB21.01
A presentare l’Osservatorio ANGI, Roberto Baldassari, Direttore Scientifico ANGI e Direttore Generale di LAB21.01 e Adelina Chiara Balsamo, Direttore Italian Globe e Direttore Ufficio Presidenza ANGI. A questo punto il Presidente ANGI, prima di lasciare la parola a Roberto Baldassari, spende due parole sul lavoro effettuato e sui risultati già ottenuti: “Roberto, prima di lasciare a te la parola, volevo ringraziare ed evidenziare come attraverso l’Osservatorio riusciamo ad analizzare il progresso economico e sociale del nostro Paese. La dimostrazione di come da cinque anni, i dati mostrano ottimismo e crescita sull’innovazione digitale”. Il Direttore Scientifico prende la parola e racconta nello specifico i dati e i risultati ottenuti negli ultimi anni, invitando, a sorpresa, i ragazzi del suo corso di Studi presso l’Università RomaTre: “Presentiamo un po’ di numeri, ma prima colgo l’occasione per far salire dietro di noi i ragazzi del mio corso di RomaTre. Ovviamente non era previsto, ma l’applauso finale è tutto per loro”. In seguito, lascia la parola a Adelina, la quale ha confermato l’aumento dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale, anche attraverso la nuova dimensione del metavrso. Infine Baldassari fa una riflessione: “Rischiamo spesso di concentrarci di più sui contenitori che sui contenuti. Ora inviterei i ragazzi a fare un passo avanti perché l’applauso per la ricerca e per questa parte, è tutto loro”.

Ultime notizie