mercoledì, 7 Dicembre 2022

Bowie negli scatti di Schapiro in mostra a Torino, rassegna fotografica della carriera americana del “Duca Bianco”

Da dicembre 2022 a febbraio 2023, Bowie e Schapiro verranno ricordati in una mostra fotografica a Torino. "America, Sogni, Diritti" ripercorre la straordinaria carriera di 'Rocket Man', la complicità col suo amico fotografo e le varie battaglie, anche sociali, combattute da entrambi gli artisti.

Da non perdere

Steve Shapiro, notissimo fotografo americano, mostrerà i suoi scatti del leggendario David Bowie in una mostra a Torino. L’anteprima nazionale avverrà il 1° dicembre e sarà possibile vederli fino al 26 febbraio 2023, all’Archivio di Stato.

David Bowie – Steve Schapiro: America. Sogni. Diritti” propone agli affezionati del compianto cantante britannico, scomparso nel 2016. Dopo essere divenuto icona culturale nella sua Inghilterra, l’artista istrionico riesce a imporsi anche negli Stati Uniti. Dopo “Diamond Dogs”, fortunatissimo album, e il relativo tour promozionale in America, David troverà dimora fissa in quel di Los Angeles.

Schapiro diventerà presto presenza costante nella vita di Bowie. Sarà, infatti, fotografo di scena di “L’Uomo che Cadde Sulla Terra” e autore degli scatti sulle copertine di Station to Station e Low. Originario di Brooklyn, classe 1934, Steve rimarrà sempre i più influenti nella storia della cultura popolare americana. Ha testimoniato i momenti salienti della società americana come l’avvento dei Kennedy passando per l’epopea pop di Andy Warhol, immortalando i movimenti per i diritti civili di Martin Luther King Jr. e l’immenso sportivo, Mohammed Alì.

La leggenda narra che Bowie e Schapiro si siano incontrati nel lontano 1974, in uno studio fotografico di Los Angeles. Bowie avrebbe voluto sperimentare nuove idee per le sue performance live. Il cantante per questo portò con sé vari costumi e Schapiro fu in grado di cogliere l’umanità dei suoi soggetti e il clima culturale in cui creava la sua opera. A cura di Ono arte, la mostra è prodotta da Radar, Extra Museum e Le Nozze di Figaro.

Ultime notizie