giovedì, 29 Febbraio 2024

Morgan, proposta per un aggiornamento del Codice dei Beni culturali: Sgarbi come opera d’arte vivente

Le sue parole mirano ad un possibile ruolo istituzionale in ambito culturale, riflessione che arriva a ridosso dell'inaugurazione della mostra 'Jo Endoro.

Da non perdere

“Innanzitutto, voglio mettere la musica nel Codice dei beni culturali, perché non esiste per adesso: qualunque operazione si voglia fare bisogna partire dall’inserire la musica come materia di tutela artistica del patrimonio italiano. Da lì si parte: è dal 2004 che non si aggiorna il Codice. Questo potrei farlo” annuncia Marco Castoldi, conosciuto dai più come Morgan.

Le sue parole mirano ad un possibile ruolo istituzionale in ambito culturale, riflessione che arriva a ridosso dell’inaugurazione della mostra ‘Jo Endoro.

Vittorio Sgarbi, sottosegretario della Cultura afferma “mi proporrà come opera d’arte vivente, è la prima volta, dice che è un modello giapponese, al di là che sia io o no, è importante che l’artista vivente sia tutelato. Perché un Paese che ha degli artisti funzionali, che sono valorizzati, è un Paese forte”. Morgan vorrebbe che il pensiero comune si rifletta in “agli artisti vivi e non solo agli artisti morti”.

L’artista si proporrebbe anche in un ruolo di collaborazione anche con il ministero dell’Università, e conclude “La cultura prende molti settori, non solo il ministero della Cultura, e soprattutto il ministero dell’Università e dell’Istruzione, è da lì che parte il viaggio culturale dell’individuo”

Ultime notizie