martedì, 21 Maggio 2024

“Dimenticano” di dichiarare le entrate al Fisco: 2 imprenditori nei guai sequestrati oltre 4 milioni di euro su conti esteri

I conti correnti in esame non sarebbero stati intestati ai due contribuenti, ma a soggetti giuridici interposti, creati appositamente in Paesi offshore, con il solo scopo di rendere ancora più complicata la ricerca degli effettivi responsabili.

Da non perdere

Le Fiamme GialleTreviso hanno rintracciato due imprenditori, operanti nel settore metalmeccanico e in quello dell’arredo per uffici, che hanno avrebbero trasferito in maniera illegale circa 4,2 milioni di euro su conti correnti attivi presso filiali di istituti di credito, siti in Svizzera e nel Principato di Monaco. Luoghi, questi, definiti come dei veri e propri paradisi fiscali.

Le indagini

Le indagini, condotte dai militari, hanno permesso di ricostruire, anche mediante l’attivazione dei canali di cooperazione amministrativa internazionale, l’entità delle somme che i due imprenditori avrebbero trasferito all’estero, omettendo di dichiararli al Fisco italiano. A quanto pare, i conti correnti in esame non sarebbero stati intestati ai due contribuenti, ma a soggetti giuridici interposti, creati appositamente in Paesi offshore, con il solo scopo di rendere ancora più complicata la ricerca degli effettivi responsabili. Tuttavia, grazie a tutti gli elementi acquisiti, i due sono stati rintracciati e sono stati recuperati quasi 2 milioni di euro.

Tali contestazioni fiscali giungono a termine di un’articolate indagine, condotta dalle Fiamme Gialle di Firenze, nel cui ambito era stato accertato come diverse persone fisiche residenti nel territorio italiano, avvalendosi di una organizzazione criminale a carattere transnazionale, dedita all’abusiva attività di raccolta del risparmio a beneficio di banche svizzere, avevano trasferito all’estero, in Paesi considerati “a fiscalità privilegiata”, grosse disponibilità finanziarie.

Ultime notizie