martedì, 16 Aprile 2024

Champions League: sconfitta indolore per Napoli e Inter nell’ultima gara

Nell'ultima gara dei gironi di Champions League, il Tottenham di Antonio Conte vince e si qualifica agli ottavi come prima del Gruppo D. Clamorosa eliminazione da qualsiasi coppa per l'Atletico di Simeone, ultimo nel Gruppo B. Perdono anche Inter e Napoli, contro Bayern e Liverpool. 

Da non perdere

Martedì di Champions che ha visto concludersi i gironi dal Gruppo A al Gruppo D. Tanti verdetti già scritti, altri che sono stati decisivi proprio nelle gare di ieri; ad esempio, il Tottenham di Antonio Conte che passa come prima nel Gruppo D, o la clamorosa eliminazione da qualsiasi coppa per l’Atletico di Simeone, ultimo nel Gruppo B. Perdono anche Inter e Napoli, contro Bayern e Liverpool.

Gruppo A

Nell’ultima giornata del Gruppo A vincono Liverpool e Ajax. I Reds battono 2-0 il Napoli di Spalletti, mentre i Lancieri espugnano Ibrox, vincendo 1-3 contro i Rangers. Gruppo A che, dunque, si conclude con il Napoli al primo posto, il Liverpool secondo, seguito da Ajax e Rangers.

Liverpool-Napoli 2-0

Gara equilibrata tra Liverpool e Napoli, con i partenopei che vedono annullarsi un gol al 55′, per fuorigioco millimetrico di Ostigard sulla punizione di Kvaratskhelia. I Reds la sbloccano e la vincono nei minuti finali: all’85’, Van Dijk svetta su corner e schiaccia verso Meret che non riesce a trattenere la palla; sulla respinta si avventa Salah che fa 1-0. Il raddoppio è un gol fotocopia: ancora Vin Dijk da corner, ancora Meret a respingere sulla linea, ma questa volta è Nunez a insaccare il 2-0.

Rangers-Ajax 1-3

Ad Ibrox, l’Ajax passa subito in vantaggio al 3′: Windajl viaggia sulla sinistra e mette al centro per Kudus, il n.20 sponda per Berghuis che, col piattone sinistro, fa 0-1. Ajax che raddoppia al 29′ proprio con Kudus: l’attaccante dei Lancieri, servito in area da Windajl, controlla e calcia, battendo McGregor con una leggera deviazione. I padroni di casa si rifanno sotto al 87′, con il rigore segnato da capitan Tavernier, ma l’Ajax la chiude al 90′ con il contropiede finalizzato dal giovane Francisco Coinceçao.

Gruppo B

Nelle partite del Gruppo B, disputatesi alle 18.45, il Porto batte 2-1 l’Atletico Madrid, condannando la squadra di Simeone al 4º posto nel girone. Nell’altro incontro, pareggio per 0-0 tra Leverkusen e Club Brugge. Gruppo B, dunque, che vede il Porto al primo posto, seguito dal Brugge, terzo il Bayer Leverkusen e ultimo l’Atletico Madrid.

Porto-Atletico Madrid 2-1

Il Porto sbriga la pratica Atletico Madrid in meno di mezz’ora. I padroni di casa sbloccano la gara al 5′: Taremi si fa trovare pronto sul destro strozzato di Evanilson e insacca a porta vuota per l’1-0. Il raddoppio arriva al 23′: Galeno anticipa Savic e si invola verso l’area avversaria; scarica al centro dove arriva Eustaquio, che batte Oblak per la secondo volta. Il gol bandiera per i Colchoneros arriva al 95′: calcio d’angolo di Carrasco e autorete sfortunata di Marcano.

Bayer Leverkusen-Club Brugge 0-0

Finisce in parità tra Leverkusen e Brugge. Le due compagini non trovano la via del gol e si accontentano di un punto: i tedeschi, complice la sconfitta dell’Atletico, si qualificano in Europa League, il Brugge, passa agli ottavi come seconda classificata.

Gruppo C

Pura formalità le gare disputate nel Gruppo C: il Bayern batte 2-0 l’Inter, il Barcellona vince 2-4 in casa del Plzen. Risultati che non cambiano la classifica, con Bayern primo, Inter secondo, Barça terzo in Europa League e ultimo posto per il Viktoria Plzen.

Bayern Monaco-Inter 2-0

Bayern e Inter giocano con formazioni rimaneggiate, ma i bavaresi sono troppo più forti dei nerazzurri e vincono la gara con un gol per tempo. La sbloccano al 32′: corner di Kimmich e Pavard salta più in alto di tutti, battendo Onana per l’1-0. Il raddoppio arriva al 72′: Choupo-Moting controlla al limite dell’area e scarica un bolide imprendibile, sotto l’incrocio dei pali.

Viktoria Plzen-Barcellona 2-4

Il Barcellona, dopo i 5 gol dell’andata, ne segna altri 4 al ritorno contro il Viktoria Plzen. Match sbloccato al 6′: Ferran Torres serve Ansu Fati che supera con il destro Stanek; la palla, però, rotola lentamente vicino alla linea di porta e ci pensa Marcos Alonso a spingerla definitivamente in rete. Il raddoppio blaugrana lo firma proprio Ferran: Rapinha scucchiaia in area per Jordi Alba, che appoggia al centro per Ferran Torres; l’attaccante del Barça non sbaglia e fa 0-2. Il Plzen rientra in partita al 51′ con il rigore di Chory, ma 3 minuti più tardi segna ancora Ferran Torres: slalom dello spagnolo al limite dell’area e apertura per Rapinha; il brasiliano serve ancora in area il n.19 che buca Stanek e fa 1-3. I padroni di casa si rifanno sotto ancora con Chory al 63′, ma il Barça la chiude al 75′: sempre Rapinha a pescare Pablo Torre che controlla e col sinistro mette sotto la traversa, per il definitivo 2-4.

Gruppo D

Nel Gruppo D, si è deciso tutto all’ultima giornata: l’Eintracht batte 1-2 lo Sporting e vola agli ottavi assieme al Tottenham, che, a sua volta, ha battuto 1-2 il Marsiglia. Francesi fuori da tutto, portoghesi in Europa League.

Sporting Lisbona-Eintracht Francoforte 1-2

L’Eintrcacht vince in casa dello Sporting e si regala la qualificazione agli ottavi. A passare in vantaggio, però, sono i padroni di casa al 39′: il cross deviato di Ugarte finisce sui piedi di Arthur Gomes che, di prima, batte Trapp e fa 1-0. L’Eintracht la vince nella ripresa; rientra in partita al 62′ con il rigore trasformato da Kamada, e la ribalta definitivamente al 72′: Knauff lancia Kolo Muani che controlla e non sbaglia davanti ad Adan.

Marsiglia-Tottenham 1-2

Stesso epilogo della gara tra Sporting ed Eintracht per Marsiglia e Tottenham: i francesi salutano le coppe europee, gli inglesi passano agli ottavi da primi classificati. Vantaggio per i padroni di casa al 45′: calcio d’angolo di Veretout e Mbemba svetta sulla difesa del Tottenham per l’1-0. Pareggio degli Spurs che arriva al 54′: punizione battuta da Perisic e Lenglet di testa sovrasta tutti. Il gol vittoria arriva al 95′: errore di Guendouzi che spiana la strada per il contropiede agli uomini di conte; Kane serve Hojbjerg che batte Lopez con un destro potente.

Ultime notizie