mercoledì, 19 Giugno 2024

In stato catatonico da 4 mesi, detenuto a Regina Coeli dorme e non reagisce agli stimoli

Il detenuto pakistano di 28 anni, soprannominato "il simulatore" non fa altro che dormire da 4 mesi nel carcere di Regina Coeli a Roma. Dai ricoveri in ospedale non sarebbero emerse diagnosi oggettive.

Da non perdere

“Hai cambiato il pannolone al simulatore?”, “va pulita la cella del simulatore” oppure “il simulatore deve andare all’udienza”. L’uomo in questione è un cittadino pakistano di 28 anni detenuto nel carcere di Regina Coeli, senza una sentenza definitiva, soprannominato “il simulatore” poiché da oltre 4 mesi si trova in uno stato catatonico da cui non si risveglia. Gli infermieri del carcere si prendono cura di lui cambiandogli il pannolone, svuotandogli il catetere e infilandogli del cibo liquido in bocca che deglutisce in modo meccanico.

Ciò che lascia perplessi è che non sarebbe arrivata nessuna diagnosi oggettiva dai numerosi ricoveri effettuati all’ospedale Sandro Pertini di Roma. Il ragazzo semplicemente dorme, anche quando viene chiamato a testimoniare in Tribunale o quando c’è da firmare l’apposito foglio. Quest’ultimo fatto è curioso poiché la presenza al processo è un diritto procedurale che non può essere negato, se non su esplicita rinuncia. Il 28enne dormiente è stato quindi caricato su una barella e portato in aula, con tanto di catetere e pannolone, mentre magistrati e giudici facevano il loro lavoro.

Susanna Marietti, coordinatrice dell’associazione Antigone che ha avuto modo di incontrare il detenuto è una delle molte persone che non riesce a trovare una spiegazione all’incredibile vicenda. Ha inoltre tenuto a sottolineare che il termine “simulatore” per quanto colmo di ilarità e affetto, non è appropriato poiché la simulazione un fenomeno in cui deve essere presente l’intenzionalità. Su Facebook dal profilo dell’associazione ha detto: “In questi mesi ho chiesto notizie, spiegazioni, soluzioni ma non sono riuscita ad arrivare a capo di nulla. L’ho incontrato in una stanza di degenza del centro clinico del carcere. Dormiva. O comunque era sdraiato sul letto, a occhi chiusi e immobile. L’infermiere mi ha spiegato che il ragazzo dorme sempre”.

Ultime notizie