venerdì, 12 Agosto 2022

MUSIC FOR CHANGE, Musica contro le mafie: Aperte sulla piattaforma le votazioni per i SEMIFINALISTI

Con 803 artisti iscritti Music for Change chiude il bando 2022, registrando un numero record mai raggiunto prima e una crescita del 10% rispetto all’ultima edizione e confermando la vocazione del premio come importante sostegno della creazione musicale.

Da non perdere

Con 803 artisti iscritti Music for Change chiude il bando 2022, registrando un numero record mai raggiunto prima e una crescita del 10% rispetto all’ultima edizione e confermando la vocazione del premio come importante sostegno della creazione musicale.

Tra tutti i partecipanti- il 40% dei quali provenienti dal Sud e dalle Isole, il 37% dal Nord e il 23% dal Centro- 287 sono stati selezionati dalla commissione interna per passere alla fase successiva: la fase Casting con cui il concorso entra nel vivo.

Da questo momento infatti sarà una giuria composita ed eterogenea, a selezionare i 25 artisti ritenuti meritevoli di passare alle audizioni live che li porteranno direttamente alle semifinali. . del 3 e 4 settembre presso il Mood Social Club di Rende (CS)”

A tutela della massima trasparenza del concorso e nell’ottica della più ampia partecipazione anche del pubblico, tutti possono partecipare alla selezione votando il proprio artista preferito tramite la piattaforma Music For Change.

I voti di questa giuria, c.d “social” si sommeranno a quelli della giuria “Casting”, formata da cinque selezionati esponenti di prim’ordine del mondo della musica: Siliva Danielli – condirettrice di Billboard, Diletta Parlangeli– conduttrice e giornalista di Rai Radio 2 e Rai Play, Claudia Mazziotta redattrice di Rockit, Gianni Maroccoloproduttore e musicista, e Gennaro de Rosa – direttore artistico di Music for change.

Infine, la terza giuria che concorre alla selezione è quella “Alpha Zoomer” che sulla scia delle partnership e degli obiettivi sociali del premio, è formata da giovani  tra i 10 e 25 anni che ne hanno fatto richiesta; giovani dell’Area Penale esterna ed interna di Milano, Bologna, Bari, Airola (BN) e Catanzaro grazie alla partnership con “Crisi Come opportunità” e “Associazione Nazionale Teatri e Giustizia Minorile” e dai giovani partecipanti a “E!State Liberi!”, i campi di impegno e formazione sui beni confiscati.

Ultime notizie