domenica, 29 Maggio 2022

Internazionali di Roma, Tsitsipas elimina Sinner: sfuma il sogno azzurro della semifinale

Nulla da fare per Jannik Sinner contro il numero 5 del mondo Tstsipas sul centrale di Roma alla ricerca di un posto in semifinale. Il tennista azzurro nel primo set riesce a contrastare il tennista greco, uno dei tennisti più in forma del momento; ma cede 7-6 al tie- break. Nel secondo parziale il nativo di Atene alza ulteriormente il livello di gioco, già eccellente di suo, chiudendo senza rischi per 6-2. In semifinale la rivincita contro Alexander Zverev.

Da non perdere

Anche l’ultimo azzurro abbandona la terra rossa di Roma. Sfuma così il sogno della semifinale per Jannik Sinner e per il pubblico romano.

La partita più attesa di questi quarti di finale inizia all’ora di pranzo con il giocatore di casa che scende in campo per affrontare uno degli avversari più ostici del momento: il greco Stefanos Tsitsipas. In gioco un posto in semifinale. Il match si disputa in una giornata abbastanza calda, vicina ai 30°, sicuramente una prova anche di resistenza fisica per i due tennisti e per i tifosi che, orario permettendo, non fanno mancare il proprio appoggio riempiendo il centrale del Foro Italico.

AL VIA IL MATCH

Parte il match con il greco al servizio che grazie a due prime vincenti riesce a portarsi sull’1-0. Fa più fatica l’azzurro che concede subito una palla break al suo avversario che ne approfitta per salire due game a zero. Tsitsipas riesce a difendersi benissimo in questo inizio non concedendo punti facili all’italiano che ha bisogno dei suoi colpi vincenti per tener testa al numero 5 del mondo.

Si arriva al 3° game con il tennista di Atene che deve salvare 4 palle break a Sinner, complici anche tre doppi falli commessi in un gioco lunghissimo che sembra non finire mai in cui i due tennisti giocano spesso sulle linee mettendo in difficoltà sia i giudici di linea che il giudice di sedia che più volte deve scendere per vedere il segno lasciato dalla pallina. Alla fine ha la meglio Stefanos che dopo un game di 20 punti, riesce a confermare il break e a salire in vantaggio 3-0.

Il tennista greco riesce quasi sempre a comandare di dritto, colpo che Jannik non riesce a leggere finendo sempre in difficoltà in risposta. L’azzurro sembra andare in apprensione ma seppur con fatica muove il punteggio vincendo il suo primo game della partita. Tsitsipas concede stavolta di più al servizio con Sinner che prende coraggio. Il tennista italiano alza il livello di gioco, recupera il break perduto a inizio partita portandosi sul 3-2 e con la possibilità di pareggiare i conti. Possibilità che diventa realtà in cui l’azzurro gioca due colpi di alto livello, guadagnandosi il game e completando la rimonta.

Sul 3 pari, per Tsitsipas è tutto da rifare. Il greco riesce a riportarsi avanti tenendo il servizio, cosa che riesce a fare anche Sinner che riacciuffa il match grazie anche a due grandi prime. Si va al cambio campo sul 5-4 per Stefanos che si riporta avanti giocando in maniera impeccabile col dritto. Il match si gioca punto a punto, con i due tennisti che tengono il proprio turno di battuta; in particolare l’altoatesino che vince il proprio game a zero. Ma è nei momenti decisivi che i campioni tirano fuori il meglio da loro stessi, e Tsitsipas con tre ace si porta sul 6-5. Non è da meno il nativo di San Candido che vince per la secondo volta il proprio game di battuta a zero portando il match sul 6-6.

Inizia il tie-break con Sinner che sale in vantaggio 2-1 con due colpi spettacolari, prima un ace e poi una palla corta da mostrare alle scuole tennis. Il greco non si lascia intimorire e si gira così sul 3-3. Il match è quanto mai equilibrato ed in perfetta parità con cui due tennisti che non se la mandano a dire giocando scambi di altissimo livello. Un altro scambio pazzesco fra i due porta l’azzurro sul 5 pari e servizio. Sinner perde campo, forse provato dal punto precedente, e così Tsitsipas si guadagna il primo set point che gioca in maniera eccellente vincendo il primo parziale 7-6 ( 7-5 lo score dei punti nel tie- break) dopo 1 ora e 27′ di straordinario tennis.

Il primo set vede in campo un buon equilibrio fra i due con il tennista italiano che ha retto bene contro il numero 5 del mondo che in questo momento sulla terra rossa sinceramente, almeno per quello che sta facendo vedere in campo, merita di stare fra primi tre del ranking.

INIZIA IL 2° SET

Comincia in ritardo il secondo set con Jannik Sinner che rientra negli spogliatoi (altro problemino fisico?) prima di scendere di nuovo in campo per servire e vincere il game in apertura portandosi subito sull’1-0. Anche Tsitsipas tiene senza particolari difficoltà la propria battuta e inizia alzare il suo livello di gioco destreggiandosi alla grande in ogni situazione. Ciò fa si che il greco ottenga il break sul tennista azzurro portandosi in vantaggio per 2-1. Break che confermerà nel proprio turno di servizio che lo porta a condurre il match 3-1.

Jannik prova ad accorciare ma il greco oltre che a giocare alla grande, batte anche in maniera favolosa chiudendo a zero il proprio game e salendo 4-2. La partita subisce una svolta con Tsitsipas che guadagna un altro break nei confronti dell’azzurro (il secondo del set), che gli consente di arrivare a servire per il match con il risultato di 5-2. Sul primo match point per il greco succede l’assurdo, non tanto per quello che si è visto in campo ma sugli spalti.

Causa sicuramente una temperatura altissima da gestire, uno spettatore si sente male e necessità dell’aiuto dei sanitari. La partita viene giustamente interrotta ma il giudice di sedia inspiegabilmente, insiste per concludere il match, cosa che scatena l’indignazione del centrale che fischia ogni tentativo di ripresa del gioco. Da segnalare il bel gesto di Sinner che offre due bottiglie d’acqua agli addetti che stavano per andare a soccorrere lo spettatore. Situazione spiacevole perché durante la ripresa della partita Tsitsipas chiude alla prima occasione accendendo in semifinale col risultato di 7-6, 6-2 ma il pubblico del centrale, sempre corretto come nel caso del malessere dello spettatore, invece di applaudire sportivamente fischia senza motivo il giocatore greco, naturalmente incolpevole di quello che è successo.

Ritornando al match, Jannik Sinner non ha giocato male soprattutto nel primo set tenendo sia fisicamente che mentalmente la pressione del suo avversario. Purtroppo la differenza fra i due giocatori si fa sentire nel secondo set con Stefanos Tsitsipas che mostra tutta la sua qualità nei momenti più importanti meritando la vittoria.

In questo momento il greco è un giocatore troppo forte per Jannik che deve continuare il suo processo di completamento e risolvere i suoi problemi fisici, per poter competere con i più forti. Per Tsitsipas in semifinale c’è Zverev che lo ha battuto a Madrid. Una chance di rivincita per il greco e un’opportunità per il tedesco che, dopo aver sconfitto in mattinata per 7-5, 6-2 Garin, cerca la sua seconda finale consecutiva in un Master 1000 dopo quella di Madrid della settimana precedente.

Ultime notizie