mercoledì, 18 Maggio 2022

Botte, spintoni e lanci di bottiglie: “Festa” della donna finisce in rissa – VIDEO

Durante una serata a tema per motivi ignoti è scoppiata una rissa proprio tra le festeggiate che hanno arrecato danni a cose e persone.

Da non perdere

La giornata internazionale della donna, chiamata nel gergo comune festa è dedicata al ricordo e alla riflessione sulle conquiste politiche, sociali ed economiche del genere femminile. Alcune tra le più attive nel campo dell’emancipazione femminile rifiuta l’associazione della parola “festa” alla giornata commemorativa dell’otto marzo. Chissà cosa avrebbero detto se avessero visto l’epilogo di questa festa della donna, insolita, finita alla mani.

Siamo nel Napoletano, in uno dei più noti ristoranti della zona, che in occasione della festa della donna ha organizzato una serata a tema. Per motivi ancora ignoti è scoppiata una rissa proprio tra le festeggiate che hanno arrecato danni a cose e persone. Spintoni, botte, bottiglie che volano, qualcuno è stato anche colto da malore, questa è la scena a dir poco da Saloon del Far West quella che i Carabinieri di Marano si sono ritrovati davanti al loro arrivo presso il ristorante. I proprietari hanno dovuto richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine per sedare gli animi delle commensali.

Qualcuno all’interno del locale ha anche girato un video che in pochi minuti è diventato virale tanto che questa mattina i gestori del locale hanno preso le distanze dagli atti violenti accaduti ieri sera: “Buongiorno a tutti, ci teniamo a fare chiarezza sull’accaduto di ieri notte. Purtroppo quello che è accaduto non è derivato in alcun modo da noi. Si è creata una situazione di panico durante la serata per cui si è generato un grande caos. Abbiamo anche noi allertato le forze dell’ordine perché la situazione era ingestibile”.

“Per cui anche noi ci troviamo oggi a dover riaprire con una struttura che risente dei danni provocati ieri e fare il possibile per risolvere tutto al più presto. In questo momento anche noi ci sentiamo vittime di quanto accaduto poiché non era gestibile da parte nostra. Vi ringraziamo per la comprensione – hanno concluso – e vi invitiamo a non rivolgere a noi le lamentele”

Ultime notizie