domenica, 29 Maggio 2022

Serie A, vittoria da Champions per la Juve: show del Sassuolo a Venezia. 1-1 tra Fiorentina e Verona

Nella domenica della 28esima giornata di serie A la Juventus conquista una vittoria fondamentale contro lo Spezia. Al Penzo di Venezia il Sassuolo dilaga e vince 4 a 1 mentre è 1-1 tra Fiorentina e Verona. Pareggi senza reti in Genoa-Empoli e Bologna-Torino.

Da non perdere

La domenica della 28esima giornata di serie A si è aperta alle 12:30 con il match tra Genoa ed Empoli terminato sul risultato di 0 a 0. Nel primo tempo i toscani vanno vicini al goal con Bajrami a cui risponde Ostigard, il cui colpo di testa viene respinto sulla linea di porta da Asllani. Nella ripresa sono ancora i padroni di casa a sfiorare il vantaggio con la conclusione di Portanova che si stampa sulla traversa. È il sesto pareggio consecutivo per il Grifone dall’arrivo di Blessin, ritmo non sufficiente per la conquista della salvezza.

Alle 15:00 si sono disputate tre partite. Al Franchi la Fiorentina prova a riscattare le sconfitte con il Sassuolo e con la Juventus in Coppa Italia ma è costretta a fermarsi ancora al cospetto di un ottimo Verona. La squadra di Italiano rompe l’equilibrio al 10′ quando, sugli sviluppi di un contropiede, Ikoné si mette in proprio e calcia, la palla rimpalla su Ilic e termina sui piedi di Piatek, lesto a girare in rete battendo Montipò. Il pareggio gialloblù si concretizza dieci minuti più tardi grazie ad un calcio di rigore trasformato da Caprari e assegnato per un fallo di Milenkovic su Lasagna. Nella ripresa sono i viola a cercare con più insistenza la rete della vittoria con le occasioni migliori che capitano sui piedi di Torreira, bravo negli inserimenti ma non altrettanto nella finalizzazione.

Al Penzo vittoria roboante del Sassuolo che schiaccia il Venezia vincendo 4 a 1; la squadra di Zanetti non riesce così ad approfittare del passo falso del Cagliari per lasciare il terz’ultimo posto in classifica. Al secondo minuto i neroverdi si portano già sull’1 a 0 grazie a Raspadori che approfitta di un errore di Svoboda per involarsi verso la porta e battere Romero. Al 15′ inizia la sagra del rigore: è il Sassuolo ad approfittarne e arrotonda il risultato con due penalty trasformati prima da Berardi e poi da Scamacca. Al 34′ i padroni di casa riaprono i giochi con la rete di testa di Henry ma nella ripresa ancora Berardi dal dischetto realizza il 4 a 1: per l’esterno italiano si tratta del dodicesimo goal in campionato. Nel finale c’è ancora spazio per un altro calcio di rigore questa volta fischiato al Venezia ma Aramu si fa ipnotizzare da Consigli.

Termina in pareggio la sfida tra Bologna e Torino. Lo 0 a 0 è un risultato giusto per le due squadre che giocano alla pari ma non trovano la via della rete. Nel primo tempo la squadra di Juric ci prova con una conclusione al volo di Singo e un colpo di testa di Djidji, entrambi disinnescati da Skorupski. La ripresa parte con un’occasione per i granata: Brekalo lascia partire un tiro dal limite dell’area che bacia il palo prima di terminare sul fondo. I rossoblù si fanno vedere con De Silvestri che prende l’iniziativa e calcia verso la porta di Berisha ma la sfera non centra la porta. Delude ancora il Torino che non vince dalla 22esima giornata quando espugnò Marassi mentre la squadra di Mihajlovic ha collezionato una vittoria e due pareggi nelle ultime tre giornate.

Alle 18:00 la Juventus ottiene una vittoria fondamentale nella corsa ad un posto Champions battendo di misura lo Spezia. La squadra di Allegri sfrutta la sconfitta dell’Atalanta a Roma per portarsi a sei punti di distacco dai nerazzurri che devono ancora recuperare una partita. Nel primo tempo i bianconeri si portano in vantaggio grazie a Morata: al 21′ Locatelli serve un filtrante per l’attaccante spagnolo che batte Provedel con un piattone sul secondo palo. Al 33′ è Cuadrado a sfiorare il raddoppio con un tiro prontamente respinto dall’estremo difensore avversario. La ripresa è avara di occasioni con la squadra di Allegri che abbassa il baricentro per difendere il risultato ma lo Spezia si guadagna una grandissima opportunità all’80’ quando Kovalenko manda in porta Agudelo e Szczesny è bravissimo a chiudere lo specchio della porta e respingere la conclusione dell’attaccante. Nel finale i bianconeri sprecano la possibilità del raddoppio perché Morata non riesce a deviare in porta un cross forte di Cuadrado.

Ultime notizie