giovedì, 19 Maggio 2022

Australian Open, Berrettini agli ottavi di finale e il sogno del 5° posto in ATP. Fuori Sonego e Giorgi

Con il risultato di oggi, l'azzurro guadagna preziosi punti per la scalata al quinto posto della classifica. Una gara a tre che coinvolge Raphael Nadal, anche lui agli ottavi, e il russo Andrej Rublev.

Da non perdere

Un monumentale Matteo Berrettini approda agli ottavi di finale dell’Open d’Australia dopo uno scontro di quattro ore con Carlos Alcaraz. Un match nel quale il tennista romano è stato in vantaggio per 2 set a 0, poi si è fatto raggiungere dallo spagnolo sul 2-2. All’inizio del quinto set ha fatto tremare gli italiani che erano davanti alla tv, cadendo e storcendosi una caviglia: nulla di grave per fortuna. Sempre nel quinto, ha perso l’occasione di chiudere quando, sul 6-5, Alcaraz gli ha concesso un match point. Ha vinto, infine, al super tie break del quinto set con il parziale di 10 a 5. Lo score conclusivo del match è 6-2, 7-6, 4-6, 2-6, 7-6, un risultato che ha ribaltato i pronostici dei bookmaker che davano favorito Alcaraz, nonostante la posizione più bassa in classifica.

“Ho pensato solo a lottare a ogni punto” – ha detto Matteo al termine dell’incontro – “Carlos è incredibile, io alla sua età non avevo nemmeno punti Atp”. Un altro spagnolo lo attende ora agli ottavi: Pablo Carreno Busta che si è imposto in quattro set su, Sebastiaon Korda, finalista delle Next Gen 2021.

Con il risultato di oggi, Berrettini guadagna preziosi punti in classifica per la scalata al quinto posto della classifica ATP e si porta oggi a quota 4.568. Una gara a tre che coinvolge Rapha Nadal, salito alla quinta posizione (oggi 4.875) dopo essere approdato agli ottavi, e il russo Andrej Rublev (oggi 4.785). Quest’ultimo è atteso domani (22 gennaio) dal croato Marin Cilic, n. 25 del mondo, apparso in gran forma nella Davis Cup by Rakuten dello scorso dicembre. Se Cilic battesse Rublev per Berrettini si potrebbe aprire la possibilità di un sorpasso sul russo.

Sbloccate le classifiche, dopo l’uragano covid che ha congelato i risultati negli ultimi due anni, chi difende i punti del torneo giocato nel 2020 li scarterà il 31 gennaio 2022 e chi difende i punti conquistati nel 2021, li scarterà il 21 febbraio, avendo la possibilità di accumulare punteggio per tre settimane in più rispetto agli altri. In questo periodo di transizione chi scarterà i punti degli Australian Open 2020 recupererà quelli degli Australian Open 2021.

Alle 7:00 italiane di sabato 22 gennaio, scenderà in campo da numero 10 al mondo, Jannik Sinner, che incontra sul suo cammino verso gli ottavi, il giapponese Taro Daniels, 110 posizioni più giù in classifica. Il prossimo avversario di Jannik Sinner non è da sottovalutare, però: il 28enne, in eccellente momento di forma, arriva dritto dritto dalle qualificazioni dove ha stracciato, tutti in due set, tre azzurri: Andrea Arnaboldi (6-3, 6-3), Gian Marco Moroni (6-3, 6-1) e Salvatore Caruso (6-3, 6-3, lucky loser recuperato dopo l’esclusione di Novak Djokovic). Per migliorare il proprio ranking, Jannik dovrà raggiungere i quarti, raggiungendo quota 3.705, con uno sguardo attento ai risultati del canadese Felix Auger-Aliassime.

Fuori dal torneo, infine, Lorenzo Sonego e Camila Giorgi. La grinta e il cuore non sono sufficienti al torinese, battuto dal serbo Miomir Kecmanovic in quattro set, mentre la numero uno delle italiane si arrende alla numero uno del mondo Ashleigh Barty in due set per 6-2 6-3.

Ultime notizie