lunedì, 17 Gennaio 2022

Migranti, nuovi sbarchi a Lampedusa nella notte: una donna morta sul barcone

Riprendono gli sbarchi sulla più grande delle isole Pelagie. L'hotspot di contrada Imbriacola continua a riempirsi a dismisura. Ieri, all'alba, Ocean Vikings ha tratto in salvo 114 profughi: tra loro anche diversi neonati.

Da non perdere

Dopo qualche settimana di stasi, negli ultimi due giorni sono ripresi gli approdi sulla più grande delle isole Pelagie. Questa notte Fiamme Gialle e Guardia costiera hanno trasbordato 26 migranti di varie nazionalità alla deriva a circa 18 miglia dalle coste di Lampedusa. Il barchino è stato intercettato intorno a mezzanotte e solo alle 2 i profughi sono sbarcati al molo Favaloro. Insieme a loro anche il corpo di una donna che ha perso la vita durante la traversata. Poco dopo sono scese altre 21 persone, tra cui sei donne e tre minori. Intorno alle 4.30 è avvenuto il terzo sbarco, con 155 profughi tra i quali vi erano 11 donne e 21 minori che si trovavano su un barcone di 15 metri a 16 miglia dalle coste dell’isola. L’ultimo approdo è avvenuto alle 6, con l’arrivo di 50 uomini, otto donne e sette minori, rintracciati dalla Guardia costiera a circa 30 miglia su un’imbarcazione alla deriva. Dopo i controlli sanitari di prassi, tutti i profughi sono stati condotti nell’hotspot di contrada Imbriacola, da tempo al collasso: all’interno della struttura si trovano attualmente 445 persone a fronte di una capienza di 250 posti.

Dopo una notte di ricerca, all’alba del 16 dicembre, Ocean Vikings ha tratto in salvo 114 persone a bordo di un gommone in difficoltà nelle acque internazionali al largo della Libia. Tra i sopravvissuti ci sono donne e neonati. Secondo quanto twittato dalla Ong SOS Méditerranée, il più piccolo ha appena 11 giorni di vita.

 

Ultime notizie