sabato, 22 Gennaio 2022

Serie A, rimonta dell’Atalanta a Verona. Impresa dell’Empoli al Maradona di Napoli: il Sassuolo si impone sulla Lazio

Nel lunch match il Torino supera il Bologna per 2 a 1 e con lo stesso risultato l'Atalanta sbanca il Bentegodi di Verona in rimonta. Clamorosa sconfitta del Napoli che perde con l'Empoli e fallisce l'aggancio al Milan. Il Sassuolo ammazza grandi colpisce anche la Lazio.

Da non perdere

Nell’attesa di Inter e Roma, impegnate rispettivamente questa sera e domani, la domenica della 17esima giornata di serie A prevede quattro partite: il Torino ospita il Bologna; l’Atalanta, di scena al Bentegodi contro il Verona, e il Napoli, in casa contro l’Empoli, provano ad approfittare del passo falso del Milan ad Udine. La Lazio cerca conferme a Reggio Emilia, sul campo del Sassuolo.

Alle 12:30, all’Olimpico di Torino, i granata superano 2 a 1 il Bologna e ritrovano la vittoria dopo la sconfitta con la Roma e i due pareggi consecutivi contro Empoli e Cagliari; Secondo ko consecutivo, invece, per la squadra di Mihajlovic dopo quello maturato in casa con la Fiorentina. In una partita ricca di occasioni da entrambe le parti, sono i padroni di casa a portarsi sul doppio vantaggio: al 24’minuto Lukic approfitta di un errore avversario per sottrarre palla e servire Sanabria, freddo nel battere Skorupski; la sfortunata deviazione di Soumaoro nella propria porta su un tiro di Pobega porta il risultato sul 2 a 0. Gli ospiti accorciano le distanze al 79′ grazie ad un calcio di rigore concesso per un fallo di Milinkovic-Savic su Sansone e trasformato dal subentrato Orsolini.

Partita intensa ed emozionante quella che alle 15:00 ha visto contrapposte Verona e Atalanta. La Dea si è imposta per 2 a 1 in rimonta al Bentegodi dove i gialloblù, sotto la gestione Tudor, non avevano mai perso, riscattando così l’eliminazione dalla Champions League. I padroni di casa rompono l’equilibrio al 22’minuto grazie al dodicesimo goal in campionato di Simeone che, servito da un lancio di Faraoni, supera Musso con un tiro da posizione defilata. Il pareggio della squadra di Gasperini arriva al 37′, in chiusura della prima frazione, con Miranchuck che, dopo aver saltato un avversario ed eluso l’intervento di Casale, appoggia in rete con facilità. La rimonta si concretizza nella ripresa e ci pensa Koopmeiners a ribaltare il risultato: il centrocampista intercetta un rilancio di Veloso e calcia in porta trovando la deviazione di Tameze che spiazza Montipò. I nerazzurri agganciano l’Inter in classifica a 37 punti e si portano a sole due lunghezze di distanza dal Milan.

Alle 18:00, clamorosa sconfitta del Napoli in casa contro l’Empoli che sbanca il Maradona 1 a 0. Dopo l’ottima prova in Europa League contro il Leicester, la squadra di Spalletti fallisce la possibilità di agganciare il Milan in testa alla classifica e perde anche il terzo posto, scavalcato dall’Atalanta, restando a 36 punti. Nel primo tempo i padroni di casa vanno vicino al vantaggio ma è la traversa a fermare la conclusione a giro dal limite dell’area di Elmas. La partita, però, viene decisa al 70’minuto da Cutrone: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, un rimpallo tra Anguissa e l’attaccante ex Milan fa finire la palla alle spalle di Ospina per il vantaggio toscano. Il Napoli ci prova ancora ma Petagna questa volta colpisce il palo. L’Empoli sale al settimo posto a quota 26 punti in classifica.

Allo stesso orario cade anche la Lazio al Mapei Stadium di Sassuolo. Dopo Milan, Juventus e Napoli, è ancora la squadra di Dionisi a fermare una big del nostro campionato. Partono forte gli uomini di Sarri che sbloccano il risultato al 6’minuto: Pedro si incunea in area e serve una palla invitante per Zaccagni che con freddezza batte Consigli per il vantaggio biancoceleste. Nella ripresa i padroni di casa, però, prendono in mano le redini del match e rimontano: al 63′ è Berardi a pareggiare con una conclusione a giro a fil di palo dal limite dell’area; sei minuti più tardi Raspadori, al terzo gol consecutivo dopo la doppietta contro lo Spezia, sfrutta l’assist di Berardi e beffa Strakosha. Nel finale c’è tempo per l’espulsione di Ayhan, reo di aver fermato Muriqi lanciato a rete; ne consegue una punizione dalla quale Basic colpisce la traversa. La Lazio resta all’ottavo posto nell’attesa del risultato della Roma mentre il Sassuolo agguanta il Verona a 23 punti.

Ultime notizie