sabato, 22 Gennaio 2022

Serie A, l’Atalanta sbanca l’Allianz Stadium. L’Empoli si aggiudica il derby toscano: i risultati del sabato pomeriggio

La giornata di Serie A si apre con il pareggio per 1-1 tra Cagliari e Salernitana, la Sampdoria batte il Verona e l'Empoli si aggiudica il derby toscano in rimonta. Prima vittoria di sempre dell'Atalanta all'Allianz Stadium.

Da non perdere

La 14esima giornata di Serie A ha avuto inizio venerdì sera con lo scontro salvezza tra Cagliari e Salernitana: le due squadre, posizionate rispettivamente al penultimo e all’ultimo posto in classifica, si sono spartiti i punti in palio a seguito di un pareggio per 1-1: i portieri hanno mantenuto le reti inviolate per tre quarti del match, fin quando il risultato non è stato sbloccato dal subentrante Pavoletti. Quando i padroni di casa erano sicuri di riuscire a chiudere la partita vincendo di misura, ecco che arriva la rete del pareggio di Federico Bonazzoli nei minuti recupero. Al termine del match, c’è stata una contestazione dei tifosi cagliaritani contro i giocatori rossoblù per l’enorme occasione sciupata nell’inseguimento dell’obiettivo salvezza.

Il sabato sportivo si apre alle ore 15:00 con un doppio match: allo stadio Castellani si gioca il derby toscano tra Empoli e Fiorentina che mantengono la parità di 0-0 per tutta la durata del primo tempo. Nella seconda frazione di gioco, ci pensa il solito Dusan Vlahović a sbloccare il match e i Viola mantengono il vantaggio di misura fino ai minuti finali della partita, quando l’Empoli riesce incredibilmente a portarsi in vantaggio con un uno-due nel giro di una manciata di minuti: all’87’ minuto trova il pareggio Pippo Bandinelli su un errore difensivo della Fiorentina e, dopo appena due minuti, i padroni di casa segnano addirittura il gol vittoria con Andrea Pinamonti, aggiudicandosi a sorpresa il derby toscano. In contemporanea, al Marassi di Genova si è giocata Sampdoria-Hellas Verona: i gialloblù hanno trovato il vantaggio in trasferta con la rete di Tamèze e hanno chiuso la prima frazione di gara avanti per 0-1. Nel secondo tempo, il Verona subisce la rimonta dei blucerchiati: il pareggio arriva al 51′ con Candreva, motore della squadra e autore anche dell’assist per Ekdal al 77′ che segna il gol del 2-1. Chiude i giochi Nicola Murru al 90′, la Sampdoria vince 3-1 e si allontana dalla zona retrocessione, mentre per il Verona arriva la seconda sconfitta stagionale dell’era Tudor.

Alle 18:00 si gioca il primo big match della giornata, con Juventus e Atalanta che si affrontano per giocarsi un posto nella prossima edizione della UEFA Champions League. La Juventus crea più occasioni della Dea ma non riesce a concretizzare sotto porta, specialmente a causa dei troppi tiri fuori dallo specchio di Musso. L’Atalanta trova la rete del vantaggio poco prima della mezz’ora di gara: l’azione dei bergamaschi parte da un passaggio errato di Morata, recupera palla Djimsiti che riesce a lanciare Duvan Zapata, il colombiano calcia di potenza e mette la palla dietro le spalle di Szczesny dopo aver scheggiato anche la traversa interna. La Juventus spaventa di tanto in tanto la difesa avversaria costruendo qualche azione pericolosa, ma non riesce a trovare il gol del pareggio: l’aria nello stadio comincia a farsi pesante, con i tifosi bianconeri che intonano cori di contestazione contro i propri giocatori. La partita termina con il risultato di 0-1 dopo una traversa colpita da Dybala su un calcio di punizione calciato dal limite nel finale: l’Atalanta espugna per la prima volta l’Allianz Stadium, la vittoria in casa dei bianconeri mancava infatti dal 1989, e prende il largo nella zona Champions, mentre la Juve esce sconfitta da una partita in cui avrebbe meritato qualcosa in più, rimanendo dietro di ben sette punti dal quarto posto e vedendo allontanarsi sempre più la possibilità di andarsi a giocare la coppa dalle grandi orecchie nella prossima stagione.

Ultime notizie