giovedì, 9 Dicembre 2021

Pensionata trovata morta in casa: figlia confessa l’omicidio

Figlia di 47 anni uccide la madre 69enne perché non vuole andare in una casa di riposo. Poi chiama i Carabinieri raccontando di aver trovato la madre suicida, morta in una pozza di sangue.

Da non perdere

Nella giornata di ieri, ad Enna, una pensionata di 69 anni era stata trovata morta in casa nel suo appartamento nel quartiere San Giacomo ad Aidone.
La figlia di 47 anni ha confessato di averla uccisa perché non voleva andare in una casa di riposo.

L’indagine si è conclusa in breve tempo e i Carabinieri hanno proceduto con l’arresto. Era stata proprio la figlia a chiamare i Carabinieri all’alba per dare l’allarme, raccontando che la madre si era suicidata. Giunti sul posto, dove vivevano le due donne, hanno trovato la donna a terra in un bagno di sangue. Accanto a lei, un coltello.

I militari del Nucleo Investigativo di Enna e della Compagnia di Piazza Armerina arrivati sul posto per effettuare i rilievi tecnici e ricostruire quando accaduto, avevano sospettato non si trattasse di suicidio. Le indagini, coordinate dal procuratore Massimo Palmeri e dal sostituto Domenico Cattano, hanno poi permesso di capire la dinamica. “A uccidere la donna in modo cruento è stata la figlia per motivi riconducibili verosimilmente alla prossima collocazione dell’anziana in una struttura residenziale”. Hanno spiegato gli investigatori. La donna si trova ora nel carcere di Catania. Nei prossimi giorni si effettuerà l’autopsia sul corpo della 69enne.

Ultime notizie