giovedì, 9 Dicembre 2021

“I Maneskin vennero accompagnati dai genitori”: video intervista a Giordano Sangiorgi fondatore del MEI

Torniamo indietro al 2016 quando la band prese parte al Pulse - High School Band Contest, vincendolo, utilizzando per la prima volta il nome che tutti conosciamo, ovvero Måneskin (in italiano chiaro di luna). Sempre nel 2016 il gruppo si esibisce a Faenza, partecipando al MEI.

Da non perdere

I Maneskin hanno seguito quella che è la classica gavetta delle band rock, dalle cantine alle strade e poi i palchi. Ormai è nota a tutti la loro folgorante carriera che continua di giorno in giorno a raccogliere successi e riconoscimenti. Dal tour sold out alla data con i Rolling Stones in America dove hanno conquistato totalmente il pubblico statunitense, fino alla conquista del premio agli EMA 2021. Ma come dicevo la loro storia parte da lontano, seppur molto giovani, prima di partecipare ad X Factor hanno, come tutte le band, fatto le loro esperienze, partecipato ai classici concorsi per band emergenti e tra questi spicca la loro prima performance nazionale proprio al MEI di Faenza. Di questo bel ricordo, a testimoniare l’importante lavoro di scouting fatto dal noto “meeting” nazionale, ne abbiamo parlato proprio con lo storico direttore artistico Giordano Sangiorgi. Torniamo indietro al 2016 quando la band prese parte al Pulse – High School Band Contest, vincendolo, utilizzando per la prima volta il nome che tutti conosciamo, ovvero Måneskin (in italiano chiaro di luna). Sempre nel 2016 il gruppo si esibisce a Faenza, partecipando al MEI.

Ultime notizie