mercoledì, 8 Dicembre 2021

Zuckerberg fa un passo indietro per tutelare la privacy: addio al riconoscimento facciale su Facebook

Il software di riconoscimento facciale, che da oltre 10 anni permette agli utenti di Facebook di taggare più rapidamente le persone presenti nei file multimediali, sarà rimosso a breve.

Da non perdere

Nelle settimane a venire, Facebook chiuderà il sistema di riconoscimento facciale che dal dicembre del 2010 permette di riconoscere i volti e l’identità delle persone presenti in fotografie e video, in modo da velocizzare l’opzione di tag per gli utenti. L’annuncio è stato fatto da Jerome Presenti, vice presidente della divisione Intelligenza artificiale di Facebook: “Le autorità di regolamentazione sono ancora intente a fornire un chiaro sistema di regole che disciplinano il suo utilizzo – ha annunciato Pesenti – e in questa incertezza crediamo che limitare l’uso del riconoscimento facciale a una serie limitata di casi sia appropriato”.

Il software di riconoscimento facciale aveva permesso al colosso social di Mark Zuckerberg di creare un vero e proprio archivio multimediale e ciò era sempre stato oggetto di grandi discussioni a cause di presunte violazioni della privacy, in quanto questi archivi potessero essere utilizzati da chiunque per riconoscere e rintracciare una qualsiasi persona, magari da un malintenzionato, ma anche dalle Forze dell’Ordine e dai governi che possono far uso di questi archivi violando i diritti umani.

 

Ultime notizie