mercoledì, 8 Dicembre 2021

Scopre i ladri in casa, il proprietario spara e ne uccide uno

Sembra che la vittima sia stata sorpresa dal proprietario nella sua villetta insieme ad alcuni complici. «Mentre scappava con i suoi complici mi ha puntato la pistola addosso. E allora ho sparato io».

Da non perdere

Ieri sera, poco prima delle 20:00, a Santopadre, nel frusinate, una rapina è finita in tragedia. Il proprietario di una villetta, un tabaccaio già vittima di altri furti, ha sorpreso alcune persone mentre rubavano in casa. «Mentre scappava con i suoi complici mi ha puntato la pistola addosso. E allora ho sparato io».

Si chiama Sandro Fiorelli e ha 58 anni, il titolare della tabaccheria in piazza Guglielmo Marconi, a Santopadre, che ieri sera ha fatto fuoco contro Mirel Joaca Bine, 34enne di origine romena, che si è introdotto nella sua abitazione per rubare. Accanto al corpo della vittima, è stata trovata una pistola caricata a salve. Lo stesso tabaccaio, rimasto in Caserma per ore con i Carabinieri di Sora, aveva dato l’allarme nel momento in cui era appena tornato il figlio in casa.

«Eravamo rincasati quando ho sentito dei rumori provenire dal piano superiore». I ladri, appena si sono accorti del ritorno in casa del proprietario si sono dati alla fuga. Secondo Fiorelli, erano in tre e la pistola che Bine aveva in mano sembrava vera e l’avrebbe poi puntata contro il tabaccaio. I Carabinieri stanno cercando di valutare la veridicità del suo racconto. Il fucile da caccia, regolarmente tenuto, è stato sequestrato. Resta da chiarire se Bine abbia aperto il fuoco per impaurire la vittima del furto. Si tratterebbe, infatti, di un elemento decisivo per capire se Sandro Fiorelli ha agito per legittima difesa.

Subito dopo l’accaduto, sul luogo della sparatoria, è arrivata un’ambulanza dell’Ares 118, alcune pattuglie della polizia e il pm di Cassino, Marina Marra, che ha disposto l’autopsia. Potrebbero andare al vaglio degli inquirenti anche i filmati di videosorveglianza di alcune telecamere della zona. I Carabinieri, intanto, sono sulle tracce degli altri complici.

Ultime notizie