giovedì, 21 Ottobre 2021

Francia e pedofilia: i preti hanno l’obbligo tassativo di allertare le autorità

L'arcivescovo Moulins-Beaufort continua a difendere il segreto della confessione: "Sempre stato rispettato dalla Repubblica francese".

Da non perdere

Dopo le numerose polemiche per le dichiarazioni del presidente della conferenza episcopale francese, l’arcivescovo Eric Moulins-Beaufort, secondo cui il segreto della confessione sarebbe “più forte delle leggi della Repubblica“, ora i preti hanno “l’obbligo tassativo” di allertare le autorità sui casi di pedofilia di cui vengono a conoscenza in confessionale. Ad affermarlo, il ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti.

Pochi giorni dopo alla pubblicazione del rapporto Sauvè sui casi di pedofilia nella Chiesa d’Oltralpe, l’arcivescovo Moulins-Beaufort è stato esortato dal ministro dell’Interno, Gèrald Darmanin, a spiegare le dichiarazioni da lui rilasciate a France Info.

Attraverso un comunicato diffusa dai suoi servizi, Moulins-Beaufort continua a difendere il segreto della confessione, sostenendo sia “sempre stato rispettato dalla Repubblica francese” e che “non sia contrario al diritto penale francese“. L’incontro sarà martedì prossimo alle 14:00.

Ultime notizie