venerdì, 15 Ottobre 2021

Inter, il bilancio 2020/2021 è drammatico: debito per 246.5 milioni di euro

Attraverso un comunicato ufficiale diramato sul sito, l'Inter comunica di aver chiuso il bilancio della scorsa stagione con un passivo di 245.6 milioni di euro.

Da non perdere

Il Covid continua a portare strascichi anche nel calcio, l’ultimo esempio lampante è la chiusura del bilancio finanziario 2020/2021 dell’Inter. Una situazione burrascosa che ha avuto come preludio gli addii di Antonio Conte, Romelu Lukaku e Achraf Hakimi.
L’Inter ha chiuso la stagione 2020/2021 con un debito di 245.6 milioni di euro, il massimo accumulato da una società in Serie A. Il bilancio è al momento sottoposto all’approvazione dell’assemblea degli azionisti, che si terrà entro la fine di ottobre.
La società ha comunicato il tutto attraverso un comunicato stampa, riconducendo le cause agli stadi vuoti e alle riduzioni contrattuali degli sponsor, apprendendo quanto segue:

I DATI FINANZIARI
L’esercizio 2020/2021 è stato significativamente impattato, per la sua intera durata, dalle conseguenze sul contesto socio-economico, nel nostro paese e a livello globale, della pandemia da Covid-19 e delle misure necessarie a mettere in sicurezza la salute pubblica e le attività produttive. In tale contesto, i ricavi consolidati si sono attestati a 364,7 milioni di euro. L’esercizio ha registrato una perdita pari a € 245,6 milioni, a cui hanno principalmente contribuito l’azzeramento degli introiti da gara derivante dalla chiusura degli stadi (dato che si confronta con il 2020 quando le chiusure erano iniziate nei primi giorni di marzo), le riduzioni contrattuali degli sponsor dovute all’impossibilità di erogare benefit da parte della Società e la liquidazione di rapporti di natura sportiva.

MILESTONE DELLA STAGIONE
La stagione sportiva si è conclusa con la conquista del 19° Scudetto, atteso dal Club e da tutti i suoi tifosi per 11 anni e che ha premiato il progetto avviato dalla proprietà dal suo insediamento all’Inter nel 2016.
Nella stagione 2020-2021 l’Inter ha realizzato un’altra importante milestone: il lancio del nuovo crest del Club e della sua nuova identità visiva. Una rivisitazione che ha reso essenziali e più forti i due elementi portanti dell’heritage nerazzurro – Internazionale e Milano – per fornire un linguaggio innovativo, moderno, digitale, connesso con le nuove generazioni e aperto alle contaminazioni con la cultura e il lifestyle.

PROSPETTIVE PER LA STAGIONE IN CORSO
Il Club ha prontamente intrapreso una politica di riequilibrio, con due obiettivi primari da perseguire: il raggiungimento della stabilità finanziaria e il mantenimento della competitività della squadra.
Le operazioni del mercato estivo genereranno un impatto economico positivo nel percorso verso la sostenibilità. L’arrivo di giocatori di esperienza internazionale e il rientro di talenti del vivaio ha l’obiettivo di mantenere elevata la performance sportiva.
La strategia della Società è concentrata sul monitoraggio dei costi, con l’obiettivo di adattare tempestivamente il business al mutevole contesto di riferimento, continuando ad investire adeguate risorse nel percorso di evoluzione e crescita del Club.
Un importante risultato è stato già conseguito con il significativo incremento del valore delle sponsorizzazioni. L’ingresso di Socios.com e DigitalBits e l’upgrade di posizionamento di Lenovo attestano la continua crescita dell’appeal del Club a livello globale.
Nell’attesa di ritornare al più presto alla piena capienza, la riapertura degli stadi garantirà al Club di avere di nuovo accesso a una imprescindibile fonte di ricavi.
Queste azioni consentiranno di ridurre significativamente le perdite del Gruppo per la stagione 2021-2022.

Ultime notizie