domenica, 17 Ottobre 2021

Rubarono un Rolex da 45mila euro in centro a Milano: arrestato capo ultrà del Napoli

Il Capo ultrà, già noto alle Forze dell'ordine, lo scorso 28 settembre rubò un Rolex insieme ad un complice, tramite il trucco dello specchietto.

Da non perdere

Arrestato Carmine Tolomelli, capo ultrà del Napoli appartenente al gruppo “Mastiffs”. Il 41enne era stato ripreso dai fotografi con Genny a’ Carogna (Al secolo Gennaro De Tommaso), durante i disordini avvenuti nella finale di Coppa Italia del 2014 tra Napoli e Fiorentina. Manette anche il suo complice, un 40enne che prese parte alla rapina del 28 settembre in Largo Cairoli a Milano, luogo in cui i due hanno assalito il proprietario di una Porsche 992 con targa Svizzera. I malviventi, in sella ad uno scooter all’altezza di Foro Bonaparte, hanno iniziato a seguire l’auto fino al centro, dove hanno dato vita alla tecnica dello specchietto.

L’escamotage ha fatto abboccare la vittima, quando il malcapitato ha tirato fuori il braccio dal finestrino per sistemare lo specchietto, è stato aggredito. Ne è scaturita un’aspra colluttazione, terminata con la sottrazione dell’orologio, un Rolex in oro rosa quotato 45mila euro.

Tolomelli e il complice non avevano però fatto i conti con le Forze dell’ordine, sulle loro tracce da tempo. Gli agenti infatti hanno fermato i due nel box in via Nikolajevka, usato per nascondere lo scooter, trovando l’orologio ancora in tasca al delinquente. Il capo ultrà, indiziato per aver commesso altri colpi a Milano, aveva avuto precedenti già nel 2017 per una rapina simile.

Ultime notizie