sabato, 4 Dicembre 2021

Barcone con 369 migranti rischia di ribaltarsi: arriva l’Ocean Viking la nave “scoppia” cerca porto sicuro

A bordo della nave umanitaria si contano, tra i 572 sopravvissuti, due disabili, di cui uno imbarcato insieme alla sua carrozzina.

Da non perdere

Ritmi serrati e vite salvate, poche parole per riassumere la nottata lavorativa che ha visto bloccate e sequestrate cinque navi umanitarie nei porti italiani, con l’Ocean Viking di Sos Mediterranée – trovatasi ad effettuare cinque operazioni negli ultimi due giorni – a salvare 369 persone. Questo il numero dei migranti ammassati in un grosso barcone di legno che ha rischiato di ribaltarsi più e più volte. Ora a bordo della nave umanitaria si contano 572 sopravvissuti, tra cui due disabili, uno di loro era partito su una modesta barca insieme alla sua carrozzina.

Numerose le donne e i bambini a bordo dell’imbarcazione, che al momento è alla ricerca di un porto sicuro, mentre Msf, che sabato si è vista impegnata a fermare la nave Geo Barnets in seguito ad un’ispesione della Guardia Costiera durata 14 ore, chiede un rapido dissequestro della nave per poter tornare in mare a proseguire il lavoro di salvataggio.

Nottata di arrivi anche a Lampedusa con ulteriori quattro barchini, facendo pervenire complessivamente 240 persone in 24 ore. Su Twitter l’Agenzia Onu per i Rifugiati (Unhcr) comunica: “Circa 250 persone in Libia sono state riportate a Tripoli dopo essere state intercettate dalla Guardia Costiera libica. Unhcr e il partner International Rescue Commitee sono sul campo per fornire cure mediche e aiuti umanitari”.

Ultime notizie