mercoledì, 27 Ottobre 2021

Caccamo, omicidio Roberta Siragusa: in un video il fidanzato mentre dà fuoco alla vittima

Un video delle telecamere dimostra che l'assassino di Roberta, è il suo fidanzato. Le dà fuoco e lei vive attimi di agonia.

Da non perdere

Non ci sarebbero più dubbi sull’omicidio di Roberta Siragusa, la studentessa che è stata uccisa brutalmente nel gennaio scorso a Caccamo, in provincia di Palermo. Le telecamere di un locale vicino al campo sportivo di Caccamo incastrano Pietro Morreale, il fidanzato della vittima e unico imputato nel procedimento. Nel video si nota l’uomo che uscendo dall’auto cosparge di un liquido infiammabile la sua ragazza e le dà fuoco. Il corpo di Roberta è stato poi gettato in un dirupo.

La 17enne vive pochi minuti, anche se interminabili, di terribile agonia. Il procuratore capo di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio, oggi in udienza davanti al gip ha prodotto la parte del filmato in cui si vede il giovane dare fuoco alla ragazza. Pietro Morreale è l’uomo che si vede nel video, secondo la Procura.

Il video è molto forte e devastante, soprattutto per i familiari di Roberta presenti in aula. Il ragazzo, Pietro Morreale, è in carcere accusato di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.

La morte di Roberta Siragusa è stata determinata dal gravissimo stato di shock causato dalle estese e gravissime ustioni del capo e soprattutto del tronco e degli arti superiori. Le modalità dell’accadimento permettono di ritenere che la morte sia arrivata dopo una fase di agonia di circa 5 minuti“, è ciò che dicono in aula gli avvocati Sergio Burgio e Giuseppe Canzone, citando alcune frasi della relazione lasciata dal medico legale.
I due avvocati che assistono i familiari di Roberta hanno poi aggiunto: “Il video è entrato ormai a far parte del materiale probatorio ostensibile alle parti e l’udienza è stata rinviata al 9 giugno per consentire alle difese di parte civile e alla difesa dell’imputato di potere svolgere il contro-esame del perito anche alla luce delle nuove prove emerse nell’incidente probatorio“.

Ultime notizie