mercoledì, 22 Settembre 2021

Genova, Rolli Days: Grosso “La cultura torna in presenza”

Dopo il successo ottenuto nel 2020, tra i 14 e il 16 maggio ci sarà la nuova edizione dei Rolli Days.

Da non perdere

Barbara Grosso, assessore alla cultura del Comune di Genova, impegnata per aggiungere gli ultimi dettagli per le giornate dei Rolli ha affermato: “In questo lungo periodo di lockdown la cultura è stata fondamentale, il suo potere curativo essenziale. Ne abbiamo usufruito in maniera diversa, attraverso gli strumenti digitali. Ora è splendido tornare a goderne in presenza”. Rolli di Genova, erano originariamente chiamati “Rolli degli alloggiamenti pubblici di Genova” ed erano gli elenchi di splendide dimore nobili che ambivano a ospitare alte personalità in transito per la città, in occasione delle visite di stato nell’Antica Repubblica. In tempi successivi, questi grandi palazzi hanno ospitato noti viaggiatori, attori, personaggi famosi.

I Rolli Days, nel 2020 sono stati un successo, tornano anche quest’anno: nonostante la possibilità di goderli dal vivo sarà sempre possibile la visita digitale, in anteprima assoluta, per alcuni siti inediti o all’interno dei quali sarebbe difficile, fisicamente, entrarci con un pubblico.

Infatti, l’assessore Grosso, prosegue: “Per i Rolli siamo riusciti ad avere i palazzi in presenza e abbiamo aumentato i siti. Ci sarà ancora una parte digitale per le ville genovesi esterne alla città. Le grandi famiglie nobili avevano i loro palazzi nel centro ma si facevano costruire dai grandi architetti anche sontuose residenze che ne testimoniano la magnificenza. In più abbiamo creato i Rolli per i bambini. Per i genovesi è particolarmente sentita in quanto costituisce un modo per affermare la propria identità ed entrare nella storia”.

Le guide che saranno presenti durante i Rolli Days sono formate da un gran numero di giovani, infatti è loro premura tramandare le tradizioni e la storia della città, il futuro della cultura genovese è nelle loro mani. Così l’assessore spiega l’inglobare anche i più giovani a questi progetti: “Ogni anno formiamo un centinaio di giovani preparandoli a raccontare la storia della città. E’ un’azione importante che vorrei mettere a sistema con l’Università”.

In un momento in cui la cultura ricomincia a prendere piede nelle nostre vite, riaprono anche i musei:  “Ci aspettano molte iniziative in questo settore. Nei giorni scorsi abbiamo inaugurato una bella mostra a Villa Croce con opere di Tomas Rajilich”.

“Stiamo lavorando da settembre con il Carlo Felice per appuntamenti importanti che vedranno lavorare insieme i principali Teatri. A Nervi riproporremo il cinema all’aperto che, in accordo con il sindaco vorremmo collocare anche in altri due luoghi, penso a Villa Gruber e nel ponente”. Fra giugno e luglio tornerà il Festival del Balletto a Nervi.

Si sono conclusi da poco i riallestimenti delle sale paganiniane di Palazzo Tursi: “A ottobre ci aspettano appuntamenti importanti con il grande violinista: il Premio Paganini e il Paganini Genova Festival. Abbiamo pensato, con il sostegno degli Amici di Paganini e grazie a un contributo della Carige, di riallestire le sale, utilizzando lo strumento digitale per renderle più fruibili e valorizzare i contenuti. Un linguaggio nuovo che potesse far parlare i tesori esposti aiutando a capirne la storia”.

Ultime notizie