mercoledì, 16 Giugno 2021

Roma, il murale dello street-artist napoletano Jorit per non dimenticare il sorriso di Luana

Jorit, street-artist napoletano regala ai muri dell'ex Snia Viscosa di Roma, fabbrica tessile simbolo di sfruttamento e inquinamento, il sorriso di Luana D'Orazio, morta sul lavoro a soli 22 anni.

Da non perdere

Non possiamo dimenticare il sorriso di Luana. Il sorriso della giovinezza, dell’ambizione, dei sogni nel cassetto, di una vita ancora tutta davanti. Il sorriso di chi, anche se a soli vent’anni, ha una famiglia e un lavoro sulle spalle. Un sorriso che racconta di un entusiasmo per la vita, quella vita stroncata troppo presto.

Jorit, street-artist napoletano regala ai muri dell’ex Snia Viscosa di Roma, fabbrica tessile simbolo di sfruttamento e inquinamento, il sorriso di Luana D’Orazio, morta sul lavoro a soli 22 anni. Un posto denso di significato, che a partire da quel sorriso, continua a raccontare la memoria delle morti sul lavoro e delle lotte operaie e antifasciste.

Quello di Luana non è il primo, né l’unico caso di morte bianca, di una giovane vita spezzata, ma è, purtroppo, l’occasione per tornare a riflettere su un tema che il più delle volte tende ad essere trascurato, oscurato o censurato.

Luana, come Samuel Cuffaro, 19enne morto a causa di un’esplosione nell’azienda agricola a Gubbio, e come i tanti lavoratori e lavoratrici che ogni giorno perdono la vita, è vittima della scarsa attenzione e sicurezza sui cantieri, sui posti di lavoro. Sono vittime di un sistema che fonda l’esistenza sulla logica della massimizzazione della produttività e del profitto.

Solo nel 2021, si registra un tasso di incremento pari all‘11,4% dei morti sul lavoro (fonte Inail) rispetto al primo trimestre scorso. Ciò testimonianza come il problema della sicurezza sui posti di lavoro, dell’inosservanza delle relative normative e dell’omertà legata al tema non siano situazioni anomale o rare ma qualcosa con cui fare i conti ogni singolo giorno.

L’opera di Jorit acquista allora un duplice significato. Non solo ricordare una giovane donna, il suo coraggio, il triste epilogo della sua vita, ma anche sollevare e denunciare un problema concreto, per riportalo al centro non solo dell’opinione pubblica ma anche del dibattito istituzionale.

Ultime notizie