martedì, 11 Maggio 2021

Covid, allarme dei genitori: l’82,2% degli adolescenti somatizza il malessere psicologico

Allarme dei genitori, l'82,2 % dei bambini e adolescenti sta vivendo una situazione psicologica negativa. Il 4 maggio l'ordine degli psicologi della Liguria affronterà il tema in una webinair su youtube

Da non perdere

Stiamo camminando in un tempo seduto, fermo e muto. Da un movimento inarrestabile ad una modalità slow motion dove nessuno si azzarda a fare il replay … immagini, notizie e momenti che è meglio non rivivere; paure, divieti e drammi che nessuno vuole ripercorrere. La fascia di popolazione che più di tutte sta patendo per questa epoca storica, inaspettata e drammaticamente dannosa è la generazione di bambini e adolescenti. Generazione abituata a viaggiare al ritmo dell’Adsl, con giornate piene di impegni di ogni tipo, improvvisamente costretta a ridimensionare tutto e racchiudere tutte le attività nelle quattro mura domestiche, a limitare la socialità a chiamate in chat.

Un’indagine della “Fondazione Italia in salute” rivela come l’ 82,2% dei genitori italiani sta affrontando “situazioni psicologiche negative nei figli “di cui una su quattro “molto pesante”.
Il tema sarà affrontato in un webinar organizzato dall’Ordine degli psicologi della Liguria martedì 4 maggio dalle 18 alle 20 sul canale YouTube ‘Redazione Ordine Psicologi Liguria’ il cui titolo sarà ‘Famiglie sospese: come la pandemia ha cambiato le relazioni familiari’.

La consigliera dell’Ordine e curatrice dell’iniziativa Biancamaria Cavallini afferma: “La situazione pandemica ha creato forte disagio nei bambini e negli adolescenti, costretti a periodi lunghissimi di didattica a distanza e di privazione dei contatti sociali. La preoccupazione dei genitori è giustificata e le ricerche ci dicono infatti che, per i più giovani, gli strascichi lasciati dal coronavirus sono soprattutto di tipo psicologico”.

Fa riflettere la nuova concezione di normalità al tempo della pandemia, che include un cambiamento radicale delle abitudini di vita e le interazioni familiari, dalla Dad all’aumento del tempo passato tra le mura domestiche. Uno studio del Policlinico Umberto I di Roma rileva che nell’ultimo anno ci sono numerosi casi di bambini con mal di pancia, mal di testa o con dolori articolari che non vanno più via.

Dopo aver escluso cause organiche, in molti casi un placebo aiuta ad arrivare alla soluzione: i ricercatori interpretano questi malesseri come somatizzazioni del malessere psicologico. In aumento anche le presunte febbri ricorrenti e i disturbi dell’alimentazione, che nascono a seguito di conflitti genitore/figlio come forma di ribellione/dispetto nei confronti della figura adulta.

Ultim'ora