mercoledì, 12 Giugno 2024

Francia, alle europee vince la destra annunciato scioglimento Assemblea nazionale: Macron e Le Pen si preparano per le legislative

Le elezioni legislative anticipate del 30 giugno e 7 luglio determineranno il nuovo equilibrio di potere in Francia.

Da non perdere

In Francia, l’annuncio dello scioglimento dell’Assemblea nazionale da parte del presidente Emmanuel Macron ha scosso il panorama politico. Le elezioni legislative anticipate si terranno il 30 giugno e il 7 luglio, una decisione presa in risposta alla debacle elettorale della maggioranza di Macron alle recenti elezioni europee e alla vittoria schiacciante dell’estrema destra.

Macron ha espresso la sua fiducia nel popolo francese: “Ho fiducia nella capacità del popolo francese di fare la scelta più giusta per sé e per le generazioni future. La mia unica ambizione è essere utile al nostro Paese che amo tanto,” ha dichiarato su ‘X’ (precedentemente noto come Twitter).

Per la prima volta dal 1979, i partiti europeisti in Francia rappresentano una minoranza di elettori, con il 41,5% dei voti, mentre i partiti euroscettici di destra e sinistra conquistano quasi un elettore su due (48,8%). La leader di ‘Rassemblement National’ (Rn), Marine Le Pen, ha dichiarato: “Il presidente della Repubblica ha annunciato lo scioglimento dell’Assemblea nazionale. Noi siamo pronti.” Le Pen ha esortato i francesi a unirsi a Rn per garantire una maggioranza che lavori per la Francia.

Secondo fonti citate da Bfmtv, il primo ministro Gabriel Attal ha cercato di convincere Macron a non sciogliere l’Assemblea nazionale, proponendo invece le sue dimissioni. “Io sono la miccia, svolgo il mio ruolo di miccia,” ha detto Attal a Macron, che ha risposto: “No, lei è il migliore per condurre la campagna.”

La sinistra francese ha lanciato un appello per un ‘rassemblement utile’ contro l’estrema destra. Fabien Roussel, leader dei comunisti, Olivier Faure, frontman dei socialisti, e l’ecologista Marine Tondelier hanno chiesto un’unità contro l’ascesa di Rn. Faure ha sottolineato: “L’estrema destra non è più semplicemente alle porte del potere, ha messo il piede nella porta.”

Dal dopoguerra ad oggi, ci sono stati cinque precedenti di scioglimento dell’Assemblea nazionale in Francia, sanciti dall’articolo 12 della Costituzione. I casi includono due scioglimenti sotto Charles de Gaulle nel 1962 e 1968, due sotto François Mitterrand nel 1981 e 1988, e uno sotto Jacques Chirac nel 1997.

Le elezioni legislative anticipate del 30 giugno e 7 luglio determineranno il nuovo equilibrio di potere in Francia. Il risultato di queste elezioni sarà cruciale per il futuro politico del paese, in un momento in cui l’Europa vede una crescente polarizzazione e una significativa avanzata delle forze di destra.

Ultime notizie