sabato, 15 Giugno 2024

Sbarco in Normandia, le celebrazioni per gli 80 anni: da Portsmouth a Parigi

La sbarco in Normandia o, per gli americani, il "D-Day", avvenne il 6 giugno del 1944 e oggi più capi di stato, provenienti da più parti del mondo, sono pronti a ricordare le vite sacrificate e le imprese di quel giorno che cambiò gli esiti del secondo conflitto mondiale.

Da non perdere

Un celebrazione simbolica dopo ottant’anni da uno degli eventi più significativi della Seconda guerra mondiale. La sbarco in Normandia o, per gli americani, il “D-Day”, avvenne il 6 giugno del 1944 e oggi più capi di stato, provenienti da più parti del mondo, sono pronti a ricordare le vite sacrificate e le imprese di quel giorno che cambiò gli esiti del secondo conflitto mondiale.

A Portsmouth, nel sud dell’Inghilterra, da dove salpò la flotta per liberare la Francia collaborazionista e l’Europa, il governo inglese ha organizzato una commemorazione di tutto rispetto. Presenti le figure politiche più di spicco del Regno Unito. Re Carlo III, la regina Camilla e il principe William si sono trovati in compagnia del primo ministro e conservatore Rishi Sunak, il leader laburista e dell’opposizione Keir Starmer e alcuni tra i ministri di governo in carica. Fortissima anche la presenza di rappresentanti dell’esercito con oltre 500 militari e, intenti a raccontare la loro testimonianza, anche alcuni tra gli ultimi i reduci in vita. Il tutto in compagnia di un’orchestra di 80 elementi.

Anche dall’altra parte della Manica, si celebra lo sbarco, ma a dirigere il tutto c’è il presidente francese Emmanuel Macron che ospita altri capi di stato come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e altri due uomini al centro della politica mondiale: il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il presidente americano Joe Biden. L’intenzione di Macron è rendere simbolica l’unità dell’occidente e dei suoi leader nel sostenere l’Ucraina.

Il leader ucraino e il presidente statunitense prolungheranno il loro soggiorno dedicandosi a due visite di Stato. Venerdì Zelensky incontrerà Macron e terrà un discorso di fronte all’Assemblea Nazionale, mentre il giorno successivo sarà dedicato alla visita della capitale da parte di Biden. I due presidenti si incontreranno dopo le cerimonie per decidere “come gli Stati Uniti possono continuare ad approfondire il proprio sostegno.” Biden e Zelensky prenderanno parte anche al G7 il prossimo 13 giugno in Puglia.

Ultime notizie