lunedì, 20 Maggio 2024

Allarme alcol, aumentato l’abuso da parte degli italiani: quasi 4 milioni a rischio

In Italia ci sono complessivamente 36 milioni di consumatori di alcol, di cui 10 milioni e 200 mila bevono alcol quotidianamente.

Da non perdere

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha sollevato un allarme sulla situazione del consumo di alcol in Italia, rivelando che ben 3,7 milioni di italiani bevono fino ad ubriacarsi. Questi dati emergono da un report elaborato dall’Osservatorio Nazionale Alcol (ONA) dell’ISS, che ha analizzato il Sistema di Monitoraggio Alcol (SISMA) insieme ai dati della Multiscopo ISTAT, in occasione della Giornata di Prevenzione dell’Alcol (GPA).

Secondo il report, in Italia ci sono complessivamente 36 milioni di consumatori di alcol, di cui 10 milioni e 200 mila bevono alcol quotidianamente. Tuttavia, è il numero di “binge drinker” a destare maggior preoccupazione, con 104 mila minori coinvolti e una prevalenza di uomini di tutte le età.

Il report evidenzia anche che, nonostante una diminuzione dei livelli registrata nel 2020, tale tendenza non si rispecchia nelle donne, il cui consumo rimane stabile. Questo dato suggerisce che non ci sia alcun segnale di riduzione nei consumi eccessivi. Inoltre, sono stati individuati 770 mila “consumatori dannosi” di alcol, di cui 290 mila sono donne. Tuttavia, solo l’8,2% di questi è stato intercettato clinicamente, portando a un totale di 62.886 alcoldipendenti in carico ai servizi del sistema sanitario nazionale.

I dati del sistema Emur del Ministero della Salute confermano le gravi conseguenze di questo quadro, con 39.590 accessi al pronto soccorso registrati nel 2022 a causa dell’alcol, di cui il 10,4% riguarda i minori, segnando un incremento del 12,1% rispetto all’anno precedente.

Questa situazione richiede un’azione urgente e concertata per affrontare il problema del consumo e dell’abuso di alcol in Italia, al fine di proteggere la salute e il benessere della popolazione, in particolare dei più giovani. La presentazione di questi dati durante il workshop internazionale presso la sede dell’ISS il prossimo 18 aprile rappresenterà un’opportunità fondamentale per discutere strategie e interventi mirati a contrastare questo fenomeno in crescita.

Ultime notizie