lunedì, 15 Aprile 2024

Cinema, nelle sale arriva “Il diavolo è Dragan Cygan”: intervista con l’attore Ivan Boragine

Boragine dimostra la sua versatilità e il suo talento, confermandosi come uno degli attori più promettenti della sua generazione.

Da non perdere

“Il diavolo è Dragan Cygan” è il lungometraggio d’esordio di Emiliano Locatelli, distribuito da Roble Factory e interpretato da Enzo Salvi, Sebastiano Somma, Adolfo Margiotta, Gennaro Lillio, Ivan Boragine, Giovanni Carta, Emy Bergamo, Carlotta Rondana e Lara Balbo. Il film, prodotto da Roble Factory, Method, in collaborazione con Whitedust Productions e Nuovaera Film, vanta una squadra tecnica di alto livello, con Tomaso Aramini alla direzione della fotografia, Lorenzo Muto e Pier Damiano Benghi al montaggio, Massimiliano Mereu e Roberto Papi alle scenografie, Arturo Montoro e Alice Sinnl ai costumi, e Emanuele Braga alle musiche.

Il film racconta la storia di Dragan, un ex rapinatore con un passato misterioso, e Daniele, un umile operaio con problemi finanziari. I due diventano amici grazie alla loro passione per gli scacchi. Quando Daniele si trova senza lavoro e in gravi difficoltà finanziarie a causa della decisione dell’imprenditore Assante di trasferire la sua azienda all’estero, convince Dragan a tornare al suo oscuro passato per aiutarlo.

Il destino di Fabrizio, un poliziotto con problemi familiari, si intreccia con quello dei due amici, portando a una serie di eventi che cambieranno le loro vite in modo irreparabile.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Ivan Boragine, ecco qui la nostra intervista

Emiliano Locatelli, il regista, descrive il film come una storia di amicizia e vendetta, un racconto corale di quattro personaggi con destini apparentemente paralleli che convergono in modo definitivo. Il film, a metà tra il thriller e il poliziesco, affronta tematiche sociali tipiche del cinema d’autore, cercando di far riflettere il pubblico mentre lo intrattiene.

Da giovane, il palcoscenico era il suo mondo, ma le aspre realtà della vita lo costrinsero a tracciare un sentiero ben diverso. Ivan Boragine, volto noto per i suoi innumerevoli lavori, nel  film noir di Locatelli interpreta il ruolo di un poliziotto ambiguo, complicato e pieno di sfaccettarure psicologiche. Nella sua carriera  ha vissuto un percorso intriso di sacrifici e rinunce prima di riuscire a realizzare il suo sogno di diventare attore.

Dai primi passi a 13 anni interpretando “Peppiniello”, superando mille difficoltà è riuscito a coronare il suo sogno e raggiungere la notorietà lavorando in produzioni importante, sia televisive che cinematografiche, il successo con “Gomorra” lo ha sicuramente aiutato a farsi conoscere, regalandoli la visibilità che tanto desiderava.

Oggi, Ivan Boragine è un attore maturo, che riesce ad interpretare personaggi sempre diversi e complessi, come per esempio quello del poliziotto ambiguo in “Il diavolo è Dragan Cygan”. Qui Boragine dimostra la sua versatilità e il suo talento, confermandosi come uno degli attori più promettenti della sua generazione.

Ultime notizie