lunedì, 15 Aprile 2024

Processo Dani Alves, il calciatore condannato a 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale

I fatti risalgono alla notte del 30 al 31 dicembre 2022, quando si è verificato l'episodio nella discoteca Sutton di Barcellona. Da allora, Dani Alves è stato detenuto nel centro penitenziario Can Brians 2 per oltre un anno, dopo esser stato arrestato il 20 gennaio 2023

Da non perdere

Il celebre calciatore brasiliano Dani Alves è stato condannato a una pena di 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale dalla sezione 12 del tribunale di Barcellona. L’accusa è stata pronunciata da una giuria composta da tre magistrati, dopo un processo che si è concluso il 7 febbraio, seguito da 15 giorni di deliberazioni.

I fatti risalgono alla notte del 30 al 31 dicembre 2022, quando si è verificato l’episodio nella discoteca Sutton di Barcellona. Da allora, Dani Alves è stato detenuto nel centro penitenziario Can Brians 2 per oltre un anno, dopo esser stato arrestato il 20 gennaio 2023.

Durante il processo, Alves ha modificato il suo racconto iniziale, affermando che i rapporti sessuali fossero consensuali. Tuttavia, la ragazza che lo ha denunciato ha costantemente mantenuto la sua versione dei fatti.

Secondo l’articolo 179 del Codice Penale spagnolo, il calciatore rischiava una pena massima di dodici anni di reclusione. La Procura aveva richiesto una condanna di nove anni, mentre la pubblica accusa aveva richiesto il massimo della pena. Si è discusso se l’alcool potesse costituire una circostanza attenuante, secondo gli articoli 20 e 21.

Nonostante la sentenza, il caso di Dani Alves non è concluso. La difesa del calciatore ha la possibilità di presentare ricorso alla Corte Superiore di Giustizia della Catalogna e, in seguito, alla Corte Suprema. Finora, le richieste di liberazione provvisoria sono state respinte dal tribunale, che ha citato l’alto rischio di fuga del giocatore come motivo.

Si tratta di un caso che continua a suscitare interesse e dibattito, richiamando l’attenzione sulle questioni di giustizia e diritti individuali.

Ultime notizie