domenica, 14 Aprile 2024

Allarme negli Stati Uniti, minaccia russa di armamenti nucleari nello spazio: il Cremlino smentisce “Stratagemma della Casa Bianca”

Gli Stati Uniti sono in stato di allerta a seguito di una potenziale minaccia proveniente dalla Russia, che avrebbe ipoteticamente l'intenzione di utilizzare armi nucleari nello spazio per colpire satelliti cruciali.

Da non perdere

Gli Stati Uniti sono in stato di allerta a seguito di una potenziale minaccia proveniente dalla Russia, che avrebbe ipoteticamente l’intenzione di utilizzare armi nucleari nello spazio per colpire satelliti cruciali. Questa inquietante prospettiva ha spinto la Casa Bianca a convocare gli otto leader del Congresso per un briefing urgente sulla questione.

Secondo quanto riportato dall’emittente Abcnews, la Commissione Intelligence della Camera ha delineato un quadro dettagliato della “minaccia alla sicurezza nazionale”, descrivendo la capacità militare russa come “altamente preoccupante e destabilizzante”. Il presidente della Commissione, Mike Turner, ha sottolineato l’importanza che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, declassifichi tutte le informazioni disponibili in merito.

Abcnews, citando due fonti a conoscenza delle discussioni tenutesi al Capitol Hill, ha rivelato che la minaccia è collegata alle ambizioni russe di installare armi nucleari nello spazio. Questo scenario è stato definito “una questione di enorme portata” da una delle fonti. Molti membri del Congresso, che hanno preferito rimanere anonimi, hanno confermato che la questione è da considerarsi “seria” e che si impegnerebbero a collaborare per affrontarla in modo appropriato, come si fa per tutti i temi sensibili.

Lo speaker della Camera, Mike Johnson, ha sottolineato l’importanza di mantenere il controllo della situazione, garantendo al pubblico che le autorità sono pienamente impegnate a gestire la situazione. Il deputato Jim Himes, rappresentante democratico del Connecticut, ha descritto l’allarme come “significativo”, ma ha sottolineato che non c’è motivo di panico, poiché la questione verrà affrontata in modo appropriato, sebbene non necessariamente in pubblico.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha respinto queste accuse, definendoli uno “stratagemma della Casa Bianca”.

Ultime notizie