domenica, 14 Aprile 2024

Roma, Vittorio Sgarbi annuncia le dimissioni da sottosegretario alla Cultura

Sgarbi ha reso pubblica la sua scelta direttamente dal palco di un evento, comunicando ai presenti, e in particolare ai giornalisti, che si dimette "con effetto immediato" e che scriverà una lettera alla leader di FdI, Giorgia Meloni, per formalizzare la sua decisione

Da non perdere

Una sorprendente dichiarazione è giunta oggi da Vittorio Sgarbi durante l’evento “La ripartenza – liberi di pensare”, organizzato da Nicola Porro. Il noto critico d’arte ha annunciato la sua decisione di dimettersi dal ruolo di sottosegretario alla Cultura.

Sgarbi ha reso pubblica la sua scelta direttamente dal palco, comunicando ai presenti, e in particolare ai giornalisti, che si dimette “con effetto immediato” e che scriverà una lettera alla leader di FdI, Giorgia Meloni, per formalizzare la sua decisione. “Io sono solo Vittorio Sgarbi, non sono più sottosegretario. Non voglio essere sottosegretario”, ha dichiarato con fermezza.

Le motivazioni dietro questa inattesa mossa sembrano collegarsi a una controversia con l’Antitrust. Sgarbi ha rivelato che l’Antitrust ha inviato una lettera complicata e confusa, sostenendo che, a seguito di due lettere anonime inviate al suo ufficio dal ministro della Cultura, non gli è consentito tenere una conferenza nell’ambito dell’evento organizzato da Porro.

“Mi dimetto e lo faccio per voi”, ha aggiunto Sgarbi, rivolgendosi alla platea che seguiva la sua lezione su Michelangelo. Le dimissioni del critico d’arte da una posizione di rilievo nel governo sollevano domande sulle implicazioni e sulle possibili reazioni politiche, oltre a gettare luce su un’inaspettata vicenda legata all’Antitrust. Resta da vedere come si svilupperanno gli eventi e quale sarà la risposta della politica e dell’opinione pubblica a questa decisione repentino del noto intellettuale.

Ultime notizie