lunedì, 15 Aprile 2024

Gio Evan, è uscito oggi il videoclip di “Susy” ambientato nei vicoli di Napoli. Da febbraio il Fragile/ Inossidabile Tour

È uscito oggi il videoclip ufficiale di “SUSY” , il brano inedito scelto per accompagnare la release di “RIBELLISSIMI”, il nuovo album di GIO EVAN

Da non perdere

È uscito oggi il videoclip ufficiale di “SUSY” , il brano inedito scelto per accompagnare la release di “RIBELLISSIMI”, il nuovo album di GIO EVAN, disponibile su tutte le piattaforme digitali e in una esclusiva versione CD autografata (Capitol Records Italy/Universal Music Italia).

“SUSY” è il ruolo della madre, colei che protegge e cresce e infine, dona libertà. Il brano racconta di una raccomandazione amorevole, il giorno in cui una mamma dedica la libertà alla cosa più preziosa che ha, una figlia.

Ambientato nei vicoli di Napoli, il videoclip di “Susy” diventa un inno popolare alla libertà, alla ricerca di se stessi, della propria identità al di là di pregiudizi e cicatrici. Il diritto all’amore è il fil rouge della vita di Pina (all’anagrafe Peppe), pescivendola di Scampia, che decide di affermare il suo desiderio di essere donna nonostante le ferite profonde inflitte da chi da sempre la giudica.

RIBELLISSIMI” arriva come culmine di un percorso che vede pubblicati, dal 2018 ad oggi, tre album, un lungo elenco di libri (poesie, romanzi e un’antologia) e una serie di brani inediti che hanno contribuito a fare di GIO EVAN un artista unico, difficile da descrivere e definire. Si può parlare di lui come di un “rivoluzionario gentile” che usa le parole per condividere pensieri sul mondo che lo circonda, cogliendone bellezza, contraddizioni, anima e l’intima semplicità.

Come il precedente “Mareducato” (album figlio della partecipazione nel 2021 al Festival di Sanremo con il singolo “Arnica”) anche “RIBELLISSIMI” è un concept album formato da musica (sono 11 i brani in totale compresi i 6 già pubblicati) e 11 poesie musicate tra cui una inedita collaborazione con Roberto Cacciapaglia in “GRAFFI”.

GRAFFI” (“Il giorno più delicato di un genitore è quando deve accogliere. Quel momento preciso in cui suo figlio inizia a richiedere la sua libertà. Graffi non è un avvertimento, è un dare in custodia, è la presa di consapevolezza più grande: quella di avere un cuore incastrato in un altro corpo), uscita il 12 gennaio, è stata la prima poesia nella storia di Spotify Italia ad essere inserita nella playlist NEW MUSIC FRIDAY.

In occasione della pubblicazione di questo suo nuovo progetto GIO EVAN ha scelto di dare maggiore rilievo a due brani in particolare: “ULAY” (brano che parla della rinuncia alla competizione, di fuga e di lontananza dal sistema) sarà il singolo disponibile da domani per la programmazione radiofonica e “SUSY” (l’intimo racconto della figura materna che l’autore dedica proprio alla madre) il brano scelto per accompagnare la release negli store digitali.

La pubblicazione del quarto lavoro discografico di GIO EVAN viene raccontata dall’autore con queste parole:

La parola ‘ribelle’ nasce per identificare un disappunto nei confronti di un movimento maggioritario, che sia un paese, una famiglia o una montagna. La ribellione nasce per esprimere la propria disarmonia, nasce per dare voce alla minoranzaper mettere al corrente il mondo riguardo la scomodità.

Ribelle deriva da ‘rebellum’, ritorno alla guerra, ma in un mondo dove la maggioranza educa esattamente alla guerra, alla competizione, al denaro e al materialismo, la ribellione oggi è un gesto di interiorità, una medicina, forma, salute, la nuova ribellione è un movimento spirituale.

Abbiamo bisogno di ribellezza, di riproporre la meraviglia e di nuovi termini per inaugurare nuovi inizi.

Ribellione, tornare alla bellezza.

Alla pubblicazione del disco seguirà a partire da fine febbraio un nuovo tour, il Fragile / Inossidabile Tour 2024 che porterà l’artista in giro per tutta l’Italia. Una lunga serie di appuntamenti nei principali teatri italiani (già SOLD OUT le date di MILANO, CREMA, FIRENZE e la prima data di ROMA e raddoppiati gli appuntamenti a ROMA, FIRENZE, TORINO e BOLOGNA) con uno spettacolo dove la musica si alternerà a poesie, gag, monologhi ricchi di ironia ed emozioni.

Il tour (prodotto e organizzato da Baobab Music & Ethics di Massimo Levantini) sarà un’opera del tutto inedita: tra giochi di parole e concetti visionari, attraverso monologhi, poesie, canzoni e gag il funambolo Evan illuminerà il pubblico con una nuova prospettiva di vita, dichiarando che Fragile/inossidabile è una protezione 50 contro i raggi degli iperinsensibili (“FRAGILE dalla radice latina FRAN\GERE, che si può rompere, frammento. Siamo nati per rompere, per rompere gli schemi, le righe, le abitudini, per essere un punto di rottura tra dizione e azione, per abbattere la tradizione del niente di nuovo e inaugurare il tutto di nuovissimo. Nati per invertire la rotta e aggiustare nuovi mari, inventare oceani là dove è impossibile, immergerci in noi stessi là dove non consentito. Nati per prendere i largo mantenendoci stretti. Siamo nati per irrompere, per scrivere fuori dagli strabordi, per creare nuovi sfondi e là dove i muri del mondo impediscono il passaggio gli uomini: siamo nati per sfondare! perché è urgente riunirci fra menti e riunirci frammenti“).

Ultime notizie