mercoledì, 12 Giugno 2024

Conflitto Israele-Hamas, scontri e colloqui diplomatici agitano la regione: raid su campo profughi in Cisgiordania

La tensione tra Israele e Hamas continua a intensificarsi, con sviluppi tragici sia in Cisgiordania che sul confine libanese.

Da non perdere

Nella Cisgiordania, almeno sei palestinesi hanno perso la vita in un attacco con un drone che ha colpito il campo profughi di Nur Shams, a est di Tulkarem. L’agenzia palestinese Wafa ha riportato che tra le vittime c’è un giovane di 17 anni, mentre gli altri hanno un’età compresa tra i 19 e i 29 anni. Le forze israeliane hanno confermato la morte di tre soldati nei combattimenti nel nord di Gaza, portando a 164 il numero totale di caduti nelle IDF dall’inizio dell’operazione di terra nella Striscia di Gaza.

Nel sud del Libano, un raid attribuito ad Israele ha colpito un’abitazione a Bint Jbeil, causando la morte di almeno tre persone, una coppia e il fratello dei due, e ferendo un’altra persona. Gli Hezbollah libanesi hanno rivendicato il lancio di almeno 18 razzi contro Rosh Hanikra, nel nord di Israele, sostenendo di aver mirato a una postazione militare vicino a una base navale.

In risposta, Israele ha effettuato un raid su Bint Jbeil, segnando la prima operazione nella zona dallo scorso ottobre, quando sono iniziate le tensioni tra Israele e Hezbollah.

La situazione ha portato a una serie di colloqui diplomatici. Una delegazione di funzionari dell’Autorità palestinese è attesa al Cairo per discutere del futuro della Striscia di Gaza con gli interlocutori egiziani. Il canale di comunicazione tra Egitto e Autorità palestinese si è aperto, con il Cairo che ha proposto un piano in tre fasi per porre fine al conflitto. Il capo dell’intelligence dell’Autorità palestinese, Majed Faraj, è già in viaggio per Il Cairo per discutere eventuali modifiche alla proposta egiziana.

Inoltre, il ministro israeliano per gli Affari strategici, Ron Dermer, ha avuto colloqui a Washington con il consigliere per la Sicurezza nazionale, Jake Sullivan. Gli incontri hanno affrontato la “transizione a una fase diversa della guerra”, focalizzandosi sugli obiettivi di alto valore di Hamas e sulla pianificazione del dopoguerra a Gaza, inclusi aspetti cruciali come governance, sicurezza e un orizzonte politico per i palestinesi.

Il conflitto in corso e gli sforzi diplomatici rendono l’area una culla di tensioni internazionali, mentre la comunità internazionale cerca vie per una risoluzione pacifica.

Ultime notizie