giovedì, 29 Febbraio 2024

Spaccio a conduzione familiare: arrestati madre e figlio lei in carcere lui ai domiciliari

Giro di vite contro i reati legati allo spaccio di sostanze di stupefacenti da parte della Polizia. In totale 27 le persone arrestate, gravemente indiziate di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da non perdere

A Roma i poliziotti del Commissariato di Appio Nuovo hanno hanno arrestato una donna di 46 anni assieme al figlio 20enne, entrambi cittadini italiani, gravemente indiziati per spaccio di droga. Nel corso delle indagini gli investigatori sono riusciti a identificare la vettura di un presunto spacciatore che era solito svolgere la propria attività illecita in zona Quadraro. I poliziotti, dopo aver rintracciato il soggetto in zona Primavalle, hanno rinvenuto nella vettura 5 chili di hashish. Successivamente, è scattata la perquisizione domiciliare in uno stabile di via Commendone. All’interno dell’appartamento, sono stati rinvenuti e sequestrati altri 2 chili di hashish. Pare che l’attiva illecita fosse gestita dalla madre del soggetto in questione, una donna di 46 anni. L’Autorità Giudiziaria ha così convalidato l’arresto, disponendo nei confronti della donna la misura della custodia in carcere, mentre nei confronti del figlio sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Controlli a tappeto nella Capitale

Tuttavia, la lista di presunti spacciatori non si è arresta di certo qui. In questi giorni i poliziotti hanno individuato altri centri di spaccio nella Capitale, specialmente in alcune zone di Tor Bella Monaca. Qui, nello specifico, gli agenti hanno arrestato altre 5 persone, gravemente indiziate per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Tra questi cinque soggetti, due ragazzi di 26 e 20 anni, entrambi romani. I poliziotti hanno provveduto al sequestro di alcuni grammi di cocaina e 460 euro in contanti.

Nel mirino degli agenti anche un 47enne italiano che esercitava l’attività illecita in un locale di via della Giarratana. L’uomo, alla vista degli agenti sul pianerottolo di casa, avrebbe deciso di cancellare le tracce dell’attività illecita lanciando dalla finestra una busta contenente la droga presente nello stabile. Non era però a conoscenza del fatto che al piano terra era stata posizionata una pattuglia in osservazione che hanno prontamente recuperato la busta e arrestato il 47enne. Altri due presunti spacciatori di 35 e 20 anni sono stati arrestati mentre svolgevano la loro attività di spaccio in via dell’Archeologia. Nello specifico, uno dei due faceva da palo, mentre l’altro si intratteneva coi clienti.

Altri contributi alla lotta contro questa tipologia di attività illecite nel quadrante sud-est della città sono stati forniti dagli agenti del Commissariato Romanina e Frascati che hanno arrestato altre 3 persone, sempre gravemente indiziate del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico, gli investigatori del Commissariato di via Orazio Raimondo sono riusciti a identificare un sospetto spacciatore domiciliato in via delle Acacie e, a seguito di perquisizione, hanno sequestrato almeno 30 grammi tra cocaina e crack, oltre a altro materiale utilizzato per il confezionamento della droga. Quest’ultima misura si accompagna a un’altra compiuta, in questi giorni, sempre dai poliziotti di Romanina, nei confronti di una sospetta pusher di 54 anni che svolgeva una fiorente attività illecita nel proprio stabile di via Monte Favino. Un cittadino albanese è stato invece arrestato dagli agenti del Commissariato di via Sciadonna. Bloccato in strada dagli agenti, l’uomo è stato trovato in possesso di ben 380 confezioni di cocaina per un peso di circa 180 grammi.

Una lente di ingrandimento sui reati per droga è stata condotta anche nel quadrante sud-ovest della Capitale, tra Portuense ed Ostiense. Gli agenti del Commissariato Colombo hanno arrestato 4 persone, gravemente indiziate del reato di detenzione di sostanze stupefacenti. Tra questi, un 31enne malese che è stato fermato in strada dai poliziotti di via G. M. Percoto ma, nel corso delle operazioni di controllo sarebbe riuscito a ingerire alcuni ovuli di eroina, poi accompagnato rapidamente in una struttura ospedaliere. Le altre due operazioni hanno visto l’arresto di due cittadini italiani, rispettivamente di 22 e 62 anni e di un 28enne di origine africana, tutti e 3 colti in flagranza nell’atto di vendere sostanze illecite.

A questi si aggiunge un altro arresto, eseguito dagli agenti del Distretto San Paolo, di una 27enne italiana, gravemente indiziata del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. La giovane, a seguito di un mirato pedinamento condotto dagli investigatori del Distretto di via Portuense, è stata trovata in possesso di ben 120 grammi di marjuana nella propria automobile e di altri 300 grammi circa di hashish e marjuana in casa, oltre a una somma di 2.620 euro e una pistola FS92 ad aria compressa. Dopo un’udienza direttissima, la 27enne  è stata condannata a 1 anno e mezzo di reclusione in carcere. Un ennesimo contributo alla lotta contro le attività legate allo spaccio di droga è stato fornito dai poliziotti del IX Distretto Esposizione, che hanno tratto in arresto un altro sospetto pusher della zona. Infine, anche in altre aree della città, gli agenti del IV Distretto San Basilio, assieme alla Polizia Giudiziaria del I Distretto Trevi, al Distretto Casilino, al Distretto Prenestino, al Distretto Lido di Roma e al Commissariato Appio Nuovo hanno arrestato in flagranza di reato altri 11 soggetti e sequestrato circa 200 grammi di droga e più di 2mila euro.

Ultime notizie