venerdì, 23 Febbraio 2024

Covid, monito di Oms Ecdc e Unione Europea: “Pandemia non è finita. Fragili a rischio per influenza e virus”

La Commissaria europea Stella Kyriakides, il direttore regionale dell'Oms per l'Europa, Hans Kluge, e il direttore dell'Ecdc, Andrea Ammon, hanno spiegato in un comunicato congiunto i rischi provenienti dall'unione di influenza e Covid per i pazienti fragili.

Da non perdere

“Anche se non siamo dove eravamo un anno fa, è chiaro che la pandemia di Covid-19 non è ancora finita. Stiamo sfortunatamente vedendo ancora una volta aumentare gli indicatori in Europa, il che suggerisce che è iniziata un’altra ondata di contagi. Con l’arrivo dell’autunno e inverno, è prevedibile anche una recrudescenza dell’influenza. Alla luce di questo, riconfermiamo la necessità di proteggere la salute delle persone, in particolare dei più vulnerabili, utilizzando tutti gli strumenti disponibili, compresa la vaccinazione. Le misure di preparazione devono continuare nella Regione europea, non dobbiamo abbassare la guardia“. È con queste parole che la Commissaria europea Stella Kyriakides, il direttore regionale dell’Oms per l’Europa, Hans Kluge, e il direttore dell’Ecdc-Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, Andrea Ammon, hanno spiegato alla popolazione la situazione riguardo il Covid-19.

L’Oms, per aiutare i Paesi a prepararsi per un possibile aumento di Covid e influenza in autunno e in inverno, ha divulgato una serie di raccomandazioni strategiche per le persone più a rischio. Kyriakides, Kluge e Ammon avvisano, in una dichiarazione congiunta, che “la potenziale co-circolazione di Covid-19 e influenza stagionale metterà le persone vulnerabili a maggior rischio di malattie gravi e morte, con la probabilità di una maggiore pressione sia sugli ospedali che sugli operatori sanitari, già stremati da quasi 3 anni in prima linea nella pandemia. Dobbiamo evitare il carico di questa co-circolazione sui nostri sistemi sanitari. Insieme alle misure di salute pubblica, la vaccinazione rimane uno dei nostri strumenti più efficaci contro entrambi i virus. Esortiamo i Paesi della Regione europea a dare la priorità alla protezione dei gruppi più vulnerabili somministrando insieme i vaccini contro l’influenza e i vaccini Covid quando possibile”.

Ultime notizie