venerdì, 19 Agosto 2022

Campania, attacchi al personale sanitario negli ospedali: due aggressioni a Napoli e Avellino

L'associazione "Nessuno tocchi Ippocrate", attraverso la propria pagina Facebook, ieri pomeriggio ha reso note due nuove aggressioni nei confronti di alcuni infermieri degli ospedali di Napoli e Avellino.

Da non perdere

L’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” nella giornata di ieri, 4 agosto, ha reso note due aggressioni nei confronti del personale sanitario della Campania, una a Napoli e una ad Avellino, tramite la sua pagina Facebook. Secondo quanto dichiara l’associazione no profit, nel pomeriggio del 3 agosto un ragazzo si sarebbe presentato al triage dell’ospedale Moscati di Avellino, accompagnato dal fratello, mentre si trovava in forte stato di agitazione. Una volta che gli infermieri hanno avviato i vari controlli, è stato chiesto all’accompagnatore di aspettare in sala di attesa. Quest’ultimo, invece di lasciare il triage e, ha iniziato ad aggredire verbalmente fisicamente un infermiere, cercando di schiaffeggiarlo e spintonarlo.

Dopo 10 minuti, i fratelli sono stati allontanati dal pronto soccorso e, all’arrivo delle Forze dell’Ordine, è stato stilato un verbale sugli avvenimenti. Invece ieri, 4 agosto, all’ospedale San Paolo di Napoli un paziente ricoverato per “stato di ebrezza alcolica” ha cominciato ad aggredire tutti gli infermieri presenti, arrivando anche a colpire un altro paziente disteso sulla barella. In merito a questi avvenimenti si è espresso Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” e medico del 118: “Numeri precisi sulle aggressione al personale sanitario non ce ne sono, perché purtroppo noi ci basiamo sulle segnalazioni che ci arrivano dal territorio, e non tutti denunciano”. Solo nella città di Napoli si contano da inizio anno 39 aggressioni al personale sanitario, dal resto della Regione sono arrivate una ventina di altre segnalazioni, ma la sensazione è che ne accadano molte di più.

Ultime notizie