martedì, 25 Gennaio 2022

Vaccini, obbligatori solo per lavoratori: la decisione del Governo dipende dall’Rt

Dopo la Germania, l'Europa valuta l'obbligo vaccinale. In Italia potrebbe essere imposto solo ai lavoratori secondo quanto già stabilito dal Testo unico del 2008.

Da non perdere

Dopo la Germania, anche nel resto d’Europa di valuta l’introduzione dell’obbligo vaccinale. Tutto dipende dall’andamento dell’indice Rt nei prossimi 40 giorni. Mentre il governo di coalizione tedesco SPD-Verdi-FDP ha imposto l’obbligatorietà del vaccino a partire dal prossimo febbraio, l’Italia potrebbe impiegarci di più per raggiungere lo stesso obiettivo poiché la decisione deve passare prima da una legge approvata dalle camere del Parlamento, dilatando così i tempi. Nel frattempo l’84,6% della popolazione italiana over 12 è stata vaccinata, l’87,5% ha fatto la seconda dose, il 12,3% è già alla terza; tuttavia, bisogna ancora convincere il 13% degli italiani No Vax.

A dare scacco matto sarà l’indice Rt che continua a salire e solo ieri sono stati registrati 16 mila casi. L’indice di replicazione resta stabile tra l’1,2 e l’1,3; ma andando avanti così, nel giro di tre settimane si conteranno fino a 200mila positivi ogni sette giorni. Saranno determinanti le festività e le terze dosi, per le quali sono stati riaperti gli hub vaccinali. Il problema resta convincere i cittadini a vaccinarsi, per questo l’obbligo diventerebbe necessario per scongiurare l’ennesima ondata e una nuova variante. L’obbligo verrebbe imposto innanzitutto sui luoghi di lavoro – come già accaduto per i sanitari – secondo quanto già stabilito dal Testo unico per la sicurezza sul lavoro che prevede l’imposizione al datore di lavoro “la messa a disposizione dei vaccini per quei lavoratori che non sono già immuni”; contrariamento, il dipendente deve essere allontanato. Questo comporterebbe il riconoscimento dello status di non idoneo al lavoro per tutti i non vaccinati e, conseguentemente, la cessazione del rapporto di lavoro.

 

Ultime notizie