giovedì, 9 Dicembre 2021

Cadavere di un 54enne trovato nel fiume: arrestato il vicino

Fermato un vicino di casa. Il presunto assassino è originario di Roma e avrebbe avuto una lite con la vittima. In casa sono stati trovati indumenti sporchi di sangue.

Da non perdere

Nella giornata di ieri, il cadavere di un uomo è stato ritrovato nel fiume di Pescara. Si tratta di un 54enne belga, residente a Popoli. I Carabinieri hanno subito sospettato si trattasse di un omicidio, per il quale è stato fermato un vicino di casa. Il presunto assassino è originario di Roma e avrebbe avuto una lite con la vittima. Nella sua abitazione, infatti, sono stati trovati abiti insanguinati e la presunta arma del delitto: un coltello insanguinato.

A dare l’allarme, è stato il cognato del sindaco di Popoli che ha avvistato il corpo senza vita dell’uomo impigliato nella vegetazione del fiume, mentre, intorno alle 9.40, passeggiava con il cane. I Carabinieri arrivati sul posto hanno subito capito si trattasse di un omicidio. La vittima, infatti, presentava evidenti ferite d’arma da taglio al volto. Accanto a lui, c’era anche una carriola sporca di sangue, con la quale l’assassino avrebbe trasportato il cadavere al fiume.

I militari hanno raggiunto la casa della vittima seguendo le tracce di sangue lasciate sul percorso, distante solo un centinaio di metri dal luogo del ritrovamento. In casa, hanno trovato segni di colluttazione, aggressione e sangue ovunque. L’omicidio si è consumato nell’abitazione della vittima, dopodiché, il corpo è stato trascinato fuori come dimostrano i segni di trascinamento sul pavimento, e gettato nel fiume.

Il vicino sospettato dell’omicidio si era trasferito a Popoli da qualche tempo. Pochi giorni fa, era stato già arrestato dai Carabinieri di Popoli per tentata rapina ed estorsione in una farmacia del posto. Era agli arresti domiciliari con misura cautelare dell’obbligo di dimora, con ulteriore prescrizione della permanenza domiciliare in orario notturno. Al momento dell’arresto, l’assassino era nella sua casa, dove sono stati ritrovati indumenti sporchi di sangue. Il giovane è stato portato in caserma. Aveva graffi sul volto e alle mani. Gli inquirenti devono ora verificare un eventuale coinvolgimento di terze persone che potrebbero averlo aiutato nell’occultare il cadavere.

Ultime notizie