sabato, 4 Dicembre 2021

“Zoo di 105” nell’occhio del ciclone, multa di 125mila euro: troppe parolacce

Il programma con il linguaggio più irriverente della radio sotto il mirino dell'Agcom. La trasmissione ha violato il testo unico della radiotelevisione.

Da non perdere

Il programma radiofonico di Marco Mazzoli e il suo “Zoo di 105” è nel mirino delle critiche soprattutto a causa di due puntate della trasmissione, quella del 26 ottobre e dell’11 dicembre dello scorso anno. Il programma dal linguaggio irriverente che tiene compagnia milioni di persone e a ogni giorno per due ore non si perde una puntata, debuttato nel 1999 ora dovrà fare i conti con l’Agcom, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Nelle due puntate sembrerebbe, infatti, che siano state superate le 247 parolacce consentite in 4 ore di on air, violando in questo modo le regole del Testo Unico della radiotelevisione.

Il programma non sembrerebbe a rischio ma le tasche della società sì. Infatti, la società a cui fa capo Radio 105 dovrà pagare una sanzione di 125mila euro. Questo risarcimento sarebbe per tutte quelle frasi che sono risultate idonee a nuocere allo sviluppo fisico, psichico e/o morale dei minori. Oltre a creare turbamento, nello svolgimento e formazione della personalità.

Un’accusa esagerata a detta di molti sui social, visto il costante uso di parolacce, o di espressioni grezze e spregiudicate per intrattenere. Ma l’Agcom non sembra affatto d’accordo su tutto ciò e continua la sua lotta, questa volta prendendosela con lo “Zoo di 105” che di certo non è rimasto a subire in silenzio.

Mazzoni, infatti aveva replicato: “Sono tra lo sconvolto e l’incredulo. Ci hanno sospeso e multato perché diciamo parolacce? Sono dieci anni che le diciamo e il Garante se ne accorge solo adesso? Non è lo Zoo che insegna le volgarità alla gente, ma è semplicemente lo specchio della nostra società. Lo Zoo parla come il popolo, pensa e dice quello che il cittadino vorrebbe gridare in faccia a chi ci governa”.

Ultime notizie