martedì, 26 Ottobre 2021

Morte di Martina Rossi, Cassazione conferma: imputati condannati 3 anni per tentata violenza sessuale

Dopo 10 anni, un processo di Primo grado e due in Appello, si chiude la vicenda giudiziaria. Martina Rossi non si è suicidata, come sostenuto dalla difesa, ma stava tentando di sfuggire a un tentativo di stupro.

Da non perdere

Tentata violenza di gruppo. Ieri la Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’Appello di Firenze, nell’ambito del processo sulla morte della genovese Martina Rossi, avvenuta il 3 agosto 2011 a Palma di Maiorca dopo una caduta dal sesto piano dell’hotel in cui si trovava in vacanza con le amiche. La decisione è giunta dopo quasi due ore di Camera di Consiglio. Tre anni di reclusione per Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi. La Corte ha anche dichiarato “inammissibili” i ricorsi presentati dai due imputati contro la sentenza arrivata lo scorso 28 aprile dai magistrati di Firenze.

Condannati in Primo grado, assolti in Appello e poi nuovamente condannati sempre in secondo grado dopo una sentenza della Cassazione, ora arriva la parola fine su una vicenda durata 10 anni. Il papà della ragazza si è detto triste perché perché nulla potrà restituirgli la figlia, ma soddisfatto perché è stata resa giustizia. Martina Rossi, dunque, non si è suicidata, come sosteneva la difesa, ma stava cercando di scappare a un tentativo di stupro.

 

Ultime notizie