giovedì, 21 Ottobre 2021

Covid, è ancora ”caos tavolini”: in Sardegna richiesta proroga per la rimozione

"Rinnovare le concessioni temporanee per i tavoli all’aperto e annullare la determinazione degli uffici“ per venire incontro alle esigenze degli esercenti, le parole dei consiglieri comunali di Cagliari.

Da non perdere

La richiesta dei consiglieri comunali di Cagliari, Loredana Lai e Marcello Polastri è una: “Rinnovare le concessioni temporanee per i tavoli all’aperto e annullare la determinazione degli uffici, concedendo agli esercenti tempo per tutto il mese di ottobre per smontare le installazioni su strada”.

Infatti, per i consiglieri, lo stop immediato è “controproducente e affrettato“. E proseguono dicendo che “anche gli esercenti vanno tutelati, così come gli investimenti che hanno affrontato per rendere Cagliari più turistica e commerciale. A maggior ragione, in una città come la nostra, colpita dagli effetti di una pandemia epocale e che a ottobre può continuare, con questo bel clima soleggiato, a lavorare e a far consumare all’aperto, offrendo un servizio di maggiore sicurezza dinnanzi al Covid-19.”

Concludono poi: “Ecco perché ci mettiamo a disposizione dei ristoratori per accompagnarli dal sindaco Truzzu che incontreremo già mercoledì prossimo, in occasione del Consiglio comunale, per questa situazione”.

I due consiglieri vorrebbero anche evitare possibili ricorsi e risarcimenti, che potrebbero poi pesare sulle casse pubbliche, per i mancati incassi agli esercenti. Il termine ultimo dato dall’amministrazione è fissato per questa settimana. I 38 titolari dei locali che non hanno uno spazio all’aperto e quindi hanno avuto la possibilità di occupare alcuni stalli dedicati al parcheggio delle auto, dovranno rimuovere i tavolini dalle strade.

Ultime notizie