sabato, 25 Settembre 2021

Attacco hacker Lazio, stop prenotazioni. Zingaretti: “La campagna vaccinale prosegue”

Zingaretti smentisce la notizia di una richiesta di riscatto. "È solo un'ipotesi investigativa che nasce dal fatto che questo genere di cyber attacchi prelude appunto a una richiesta di riscatto o alla vendita all'asta dei codici sulle dark room". 

Da non perdere

L’attacco hacker che ha messo in ginocchio il Centro Elaborazione dati della Regione Lazio costringe le autorità a sospendere le prenotazioni dei vaccini. Ma “la campagna vaccinale va avanti, è solo sospesa la prenotazione fino a nuovo ordine”, annuncia il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Ci sono stati tantissimi attacchi anche la scorsa notte”, aggiunge Zingaretti che smentisce la notizia di una richiesta di riscatto. “È solo un’ipotesi investigativa che nasce dal fatto che questo genere di cyber attacchi prelude appunto a una richiesta di riscatto o alla vendita all’asta dei codici sulle dark room”.

Al Corriere della Sera Vittorio Gallinella, direttore dei sistemi infrastrutturali di LazioCrea, dice che attacchi hacker sono all’ordine del giorno “ma non di questa portata. Stiamo decrittando, è la controffensiva al malware, è l’unico modo per evitare riscatti o simili, ma ci vuole tempo” e “ci vorranno settimane di lavoro per uscirne, dobbiamo esportare interi database ma a settori”.

Gallinella aggiunge: “Tutti i protocolli di sicurezza sono rispettati sia dai singoli sia come sistema. Non ci sono state falle o qualche tipo di alleggerimento di cosiddette porte laterali, da cui potrebbe penetrare un hacker. Come sono entrati? Le credenziali o le password si possono violare, ma non posso dire altro perché questo è parte dell’indagine in corso. Errori però non ci sono stati, questo no”.

Ultime notizie