mercoledì, 27 Ottobre 2021

Mottarone, funivia letale: parlano i testimoni della sciagura e il legale di Tadini

L'avvocato Perillo, che difende Tadini: "Abbiamo chiesto il video originale. Vogliamo sapere se ci sono altri video, visto che le telecamere sul percorso sono diverse".

Da non perdere

La Procura della Repubblica di Verbania prosegue nelle indagini sulle cause della tragedia di Mottarone. Oggi hanno parlato due testimoni: “Ho sentito un rumore molto forte e strano”, come una “frustata”. “La cabina era quasi sulla mia testa. Mi tremavano le gambe, avevo paura. Mi sento miracolata: se non mi fossi spostata, probabilmente la cabina mi avrebbe colpita. Ho sentito un fruscio: una specie di rumore metallico secco. La cabina stava dondolando”.

Intanto il gestore della funivia, Nerini, chiama in causa l’unico indagato agli arresti domiciliari, perché non sapeva a cosa serve il ceppo o forchettone. “Mi è stato spiegato dal caposervizio Gabriele Tadini che avrei dovuto metterlo”. Cosa che aveva fatto, tra l’altro, “in un paio di occasioni su disposizione di Tadini”, ma “a impianto fermo e cabine vuote”. Tadini è difeso dall’avvocato Perillo, che dichiara, a proposito dell’impianto: “Il primo intervento sul sistema frenante è del 5 febbraio scorso, ma dopo venti giorni circa c’è una seconda chiamata per lo stesso problema; eppure la manutenzione interviene solo il 30 aprile, come emerge dai documenti. Quanto alla terza richiesta di manutenzione sempre al sistema frenante avanzata a Perocchio fatta la prima settimana di maggio, non è così chiaro se fosse in programma; ciò che è certo è che fino al 23 maggio, giorno del disastro, l’intervento non si verifica”. Il legale menziona Perocchio: l’ingegnere che si occupa di consulenza e ristrutturazione della funivia. E poi continua: “tutto può essere utile a ricostruire quello che è successo e per questo, ad esempio, abbiamo chiesto il video originale. Vogliamo sapere se ci sono altri video, visto che le telecamere sul percorso sono diverse”.

Un’altra data è quella che ricorda proprio il caposervizio dell’impianto, tramite Perocchio: “Per me era più probabile che mi inghiottisse una voragine in strada, che si rompesse la fune verificata il 20 novembre”.

Ultime notizie