giovedì, 24 Giugno 2021

Tennis, Internazionali di Roma: la finale è Djokovic-Nadal

Djokovic si impone per 6-3, 6-7, 6-2 ma Sonego - che da lunedì eguaglia il suo best ranking ATP salendo al n° 28 della classifica con un balzo di 5 posizioni - ha giocato alla pari con il serbo per gran parte dell'incontro.

Da non perdere

Ha giocato con la testa e con il cuore Lorenzo Sonego contro il numero uno del mondo Novak Djokovic. E ha giocato con il tifo di tutto il Foro Italico dalla sua parte. Ma non è stato sufficiente per battere Nole che, domani giocherà la 57ˆ sfida con Rafa Nadal nella finale degli Internazionali di Tennis di Roma 2021.

Sonego concede il primo set piuttosto facilmente ma nel secondo parziale trova la misura per contenere un dilagante Djokovic, al quale annulla due match-point. Dopo aver vinto un palpitante tie-break, nel terzo set cede il passo alla grande esperienza del serbo, al termine di un incontro di quasi tre ore.

Djokovic si impone per 6-3, 6-7, 6-2 ma Sonego – che da lunedì eguaglia il suo best ranking ATP salendo al n° 28 della classifica con un balzo di 5 posizioni – ha giocato alla pari con il serbo per gran parte dell’incontro. Il tennista torinese diventa così il terzo miglior italiano in classifica, superando Fabio Fognini.

L’appuntamento con la finale per Sonego è solo rinviato, c’è da esserne certi, Come è certo che la settimana romana abbia regalato al tennista italiano, oltre a emozioni impagabili, la consapevolezza di poter tenere testa a chiunque in campo. Ha sconfitto due Top-10: Dominic Thiem e Andrei Rublev e ha ingaggiato un’avvincente scontro con Nole.

“Complimenti a Lorenzo, ha lottato fino all’ultimo colpo”, ha detto Djokovic al termine della sfida. E pensando alla finale: “È stata una giornata molto dura. Spero di ritrovare l’energia per domani”. Per la sesta volta nella storia degli Internazionali di Roma, la finale sarà fra Djokovic e Nadal, con lo spagnolo in vantaggio per 3-2. Negli scontri diretti, Nole conduce per 29 a 27. Per il serbo sarebbe il sesto titolo romano, il 37° Masters 1000 da mettere in bacheca.

Ultime notizie