domenica, 23 Giugno 2024

Sri Lanka, approvata dal FMI la richiesta di salvataggio da 2,9 miliardi di dollari

Il presidente dello Sri Lanka ha affermato che il Fondo monetario internazionale (FMI) ha approvato la sua richiesta di salvataggio di 2,9 miliardi di dollari. La presidenza del paese ha affermato che il programma gli consentirà di accedere a finanziamenti complessivi fino a 7 miliardi di dollari.

Da non perdere

Il presidente dello Sri Lanka ha affermato che il Fondo monetario internazionale (FMI) ha approvato la sua richiesta di salvataggio di 2,9 miliardi di dollari. La presidenza del paese ha affermato che il programma gli consentirà di accedere a finanziamenti complessivi fino a 7 miliardi di dollari.

Il consiglio di amministrazione del FMI ha confermato di aver firmato il prestito, che apre la strada al rilascio di fondi e dà il via a un programma quadriennale progettato per sostenere l’economia del paese. La decisione consentirà un esborso immediato di circa 333 milioni di dollari, aiutando potenzialmente lo Sri Lanka a uscire dalla peggiore crisi finanziaria degli ultimi decenni.

Kristalina Georgieva

L’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva ha avvertito che è necessario continuare a perseguire la riforma fiscale. Solo così sarà possibile creare maggiori reti di sicurezza sociale per i poveri e frenare la corruzione che è stata in parte la causa della crisi.

“Esprimo la mia gratitudine al FMI e ai nostri partner internazionali per il loro sostegno mentre cerchiamo di riportare l’economia sulla buona strada a lungo termine attraverso una gestione fiscale prudente e il nostro ambizioso programma di riforme”, ha dichiarato il presidente dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe.

Il paese è andato in default sul suo debito estero nell’aprile 2022 mentre precipitava nella peggiore recessione economica dall’indipendenza a causa di una grave carenza di riserve di valuta estera. La nazione di circa 22 milioni di persone ha esaurito i contanti per finanziare anche le importazioni più essenziali, portando a diffusi disordini sociali.

Rajapaksa sostituito da Wickremesinghe

Le proteste di massa per la cattiva gestione economica, la grave carenza di cibo, carburante e medicinali e l’inflazione galoppante hanno costretto il presidente Gotabaya Rajapaksa a lasciare il paese e a dimettersi a luglio.

Rajapaksa è stato sostituito dal presidente Wickremesinghe, che ha implementato duri tagli alla spesa e aumenti delle tasse nel tentativo di assicurarsi l’assistenza del FMI.

Cina, il più grande prestatore bilaterale dell’isola

Pechino aveva detto quest’anno che stava offrendo una moratoria di due anni sui suoi prestiti allo Sri Lanka, ma la concessione è stata inferiore alle aspettative del FMI per la sostenibilità del debito dell’isola.

Dopo che la Cina ha accettato di ristrutturare i suoi prestiti, Wickremesinghe aveva detto che si aspettava che la prima tranche del pacchetto FMI sarebbe stata resa disponibile entro il mese.

Oggi

Lunedì scorso, l’ufficio di Wickremesinghe ha dichiarato che stava chiedendo una moratoria di 10 anni sul debito estero dello Sri Lanka poiché il paese era senza riserve estere per onorare i suoi prestiti.

I funzionari coinvolti nei negoziati hanno affermato che i termini della ristrutturazione del debito devono essere finalizzati e concordati da tutte le parti prima di giugno, quando il FMI dovrebbe rivedere il programma di salvataggio.

L’ufficio di Wickremesinghe ha affermato in una dichiarazione che il programma del FMI contribuirà a migliorare la posizione del paese nei mercati dei capitali internazionali, rendendolo attraente per investitori e turisti.

Wickremesinghe ha detto che c’erano segni che l’economia stava migliorando, ma che c’era ancora valuta estera insufficiente per tutte le importazioni, rendendo cruciale l’accordo con il FMI in modo che anche altri creditori potessero iniziare a rilasciare fondi.

Georgieva ha affermato che lo Sri Lanka deve attenersi alle sue controverse riforme fiscali, gestire la spesa pubblica ed eliminare i sussidi energetici.

Dichiarazioni

In una dichiarazione, ha affermato che lo slancio delle riforme fiscali progressive in corso dovrebbe essere mantenuto e le reti di sicurezza sociale dovrebbero essere rafforzate e mirate meglio ai poveri. Inoltre è necessario un programma di riforma anticorruzione più completo. Programma che dovrebbe essere guidato dalla missione diagnostica della governance del FMI. L’economia dello Sri Lanka si è ridotta del 7,8% lo scorso anno mentre si trovava alle prese con la peggiore carenza di valuta estera.

Ultime notizie